Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Il Sole (short)

No description
by

Selene Dall'Olio

on 28 February 2015

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Il Sole (short)

Il Sole
Contesto
Ciclo vitale
Struttura
Corso per operatore divulgatore - 29 ottobre 2013
Il Sole
il Sole si forma circa 4,6 miliardi di anni fa in una nube formatasi in seguito all'esplosione di una o più supernovae
è posizionato nel Braccio di Orione, a circa 26.000 anni luce dal centro galattico
Rigel
Aldebaran
Bellatrix
Algol B
OGLE-TR-122
Saturno
Sole e sistema solare
Selene Dall'Olio
Bellatrix
Algol B
Sole
Stato attuale
il Sole è composto da 74% H e 24-25% He più tracce di elementi pesanti
attualmente è a metà del proprio ciclo vitale in una fase di stabilità dove alta temperatura e densità consentono la fusione nucleare di H in He nel nucleo generando energia
impiegherà in titale 10 mld di anni per esaurire i processi termonucleari
sequenza principale:
rappresentazione grafica che mette in relazione la temperatura effettiva e la luminosità delle stelle.
1) condensazione grandi masse di materiale gassoso presenti in una nube
2) elevata gravità che trattiene gli elementi vs. pressione che tende a determinare un'esplosione
3) collasso dei materiali
4) nascita delle protostella
accrescimento densità e temperatura
raggiungimento della temperatura necessaria all'interno del nucleo (10 mil. K)
5) accensione della stella con innesco della fusione nucleare e rilascio di radiazioni dal nucleo
il rapporto fra la pressione derivante dalla fusione e la forza di gravità sorregge gli strati della stella



1
2
3
4
5
successiva fase di instabilità
raggiungimento della fase di gigante rossa
esaurimento dei vari gusci concentrici e fine dei processi termonucleari
rilascio degli strati più esterni sotto forma di 'supervento'
formazione di una nebulosa planetaria
collasso della stella e formazione di una nana bianca ad alta densità
successivo raffreddamento e invisibilità (nana nera)
Ring nebula (M57)
nana bianca
Morte di una stella...
Formazione delle stelle
nucleo:
si estende per c.a. 150.000 km
produzione della fusione nucleare
zona radiativa :
circonda il nucleo
spesso c.a. 500.000 km (dal 30 al 70% del raggio solare)
trasporto dell'energia prodotta dal nucleo in c.a. 10 mln di anni
zona convettiva:
spesso circa 200.000 km (30% del raggio solare)
trasporta l'energia verso l'esterno
fotosfera:
spessa c.a. 700 km
temperatura di 5.777 K
confine fra materia densa all'interno e atmosfera esterna
superficie visibile apparente del sole, formata da celle di convezione chiamate 'granuli'
presenza delle macchie solari (foto)
fenomeni di brillamenti o 'flare' che sono violente eruzioni di materiale elettricamente carico
cromosfera:
estesa per c.a. 15.000 km
osservabile durante le eclissi o con filtri H-alfa
interamente ricoperta da spicole che sono getti dinamici provenienti dalla fotosfera e facole che si differenziano per la persistenza
emissione delle protuberanze solari caraterizzate da enormi emissioni di plasma che si allontanano per migliaia di chilometri
zona di transizione:
regione presente fra cromosfera e corona solare
temperatura aumenta rapidamente
corona solare:
si estende per milioni di chilometri
costituita da gas rarefatti estremamente caldi (1 mln K)
formazione del vento solare che causa perturbazioni magnetiche
presenza di fenomeni spettacolari:
anelli coronali (tubi di campo magnetico)
Espulsioni di massa coronale (CME) che raggiungendo la Terra causano i fenomeni delle aurore polari attraverso il vento solare
Protuberanza solare
brillamento solare
anello di gas coronale
espulsione di massa coronale
Aurora boreale
granulazione della fotosfera
macchie solari
Spicole
Conclusioni
Età
4,6 miliardi di anni
classe spettrale G2V
Dimensioni
diametro all'equatore:
1.393.000 km pari a 109 volte quello della Terra
massa:
333.400 volte quella della Terra
Distanza dalla Terra
149,6 milioni di Km
(pari a 1 Unità Astronomica)
Temperatura
15 milioni K al nucleo
5.777 K alla superficie
2 milioni K nella corona
Il sistema solare è formato per il 99,99% dalla massa del Sole!
si trova a circa metà del suo ciclo vitale
Selene Dall'Olio
selene.dallolio@gmail.com
Sole
Giove
Il Sole a confronto con altre stelle
1/2
2/2
intorno al Sole orbitano pianeti, satelliti, pianeti nani e asteroidi
esso emette radiazioni energetiche che consentono la vita sulla Terra raggiungendone la biosfera
l'insolazione influisce sulla temperatura di aria e terreno e sul clima incidendo sugli eventi atmosferici (masse d'aria, precipitazioni)
Il Sole ha impiegato 100 mln di anni per formarsi completamente
è una nana gialla di tipo G2 V
temperatura alla superficie di 5.777°K
si trova nella sequenza principale
Carta di identità del Sole
Full transcript