Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Mappa concettuale America

No description
by

Andrea Bocchiardo

on 19 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Mappa concettuale America

Il Jazz
CESARE PAVESE E L'AMERICA
Il mercato
equo-solidale
Il mito americano
I Grattacieli
Il terrorismo islamico (11 Settembre)
Gli Stati Uniti
d' America (USA)

La Globalizzazione
Cesare Pavese

Nato a Santo Stefano Belbo, in provincia di Cuneo, nel 1908, contribuì a diffondere la conoscenza e a far nascere il mito della letteratura americana, divulgando con le proprie traduzioni le opere più importanti di Steinbeck, Melville ed altri autori statunitensi.
Scrittore impegnato politicamente nella sinistra, fu sempre tormentato dall’angoscia della solitudine e della incomunicabilità , angoscia che nel 1950 lo portò ad suicidio.
In un periodo di piena affermazione dell’Ermetismo, Pavese scelse percorsi poetici e narrativi diversi, usando i toni della lingua parlata e raccontando un mondo vivo e popolare: le osterie, la campagna, oppure la squallida periferia.
Il tormento di una delusione amorosa, aggiunta al disagio esistenziale, lo indussero al suicidio, il 27 agosto del 1950, in una camera dell'albergo Roma di Piazza Carlo Felice a Torino.
Il commercio equo e solidale - Boicottaggio e consumo critico
Il commercio equo e solidale è quella forma di attività commerciale che come obiettivo la lotta allo sfruttamento ed alla povertà e non il raggiungimento del massimo profitto.
È mirato a creare canali commerciali alternativi per garantire un equo compenso ai piccoli produttori dei Paesi in via di sviluppo
Le organizzazioni del commercio equo e solidale comprano direttamente dai produttori senza intermediari; nel prezzo di acquisto è compreso un contributo per sostenere progetti locali di sviluppo sociale e sanitario

Esistono forme per sensibilizzare i consumatori ad aiutare i Pvs:

Il boicottaggio
, cioe' l’interruzione temporanea dell’acquisto di prodotti di largo consumo per indurre le multinazionali produttrici a rivedere i propri comportamenti.
Il consumo critico
consiste nello scegliere con cura i prodotti, non solo avendo presente la qualità e il prezzo ma anche in base alla loro “storia”, alle scelte ed ai comportamenti delle aziende produttrici.
Il mito americano
Pavese è stato uno tra i maggiori interpreti del mito americano, quel mito modello di una libertà creativa e politica che in Italia era ostacolata dal fascismo e dalla tradizione accademica.
Pavese scriveva : " Verso il 1930, quando il fascismo cominciava ad essere la speranza del mondo, accadde ad alcuni giovani italiani di scoprire nei libri l'America, un'America pensosa e barbarica, felice e rissosa, dissoluta, feconda, greve di tutto il passato del mondo, e insieme giovane, innocente…ma il successo fu tanto che costrinse il regime a tollerare per salvare la faccia.”
La censura fascista colpisce soprattutto le traduzioni, di conseguenza i giovani letterati vennero a contatto con gli autori americani più attraverso i saggi di critica letteraria che attraverso gli stessi testi.

Il declino del mito
I primi segni del declino del mito si possono già avvertire nel 1941 quando Vittorini giudica il romanzo "Paesi tuoi" pubblicato da Pavese in quell'anno "di gran lunga migliore dei libri di Steinbeck" o quando nel 1943 Pavese, nel recensire la "Spoon River Anthology" definisce il suo lavoro di traduttore come un'avventura giovanile ormai conclusa.

Il mito americano infatti comincia a sgretolarsi non appena il regime fascista cessa di avere il suo potere, in quanto un'America accessibile non desta più curiosità: l'illusione americana, nell'euforia della Liberazione, durera' ancora uno o due anni.
A partire da questo momento, l'unico motivo che spingerà Pavese e Vittorini ad occuparsi di letteratura americana sarà il desiderio di esprimere i loro dubbi e le loro incertezze.





Gli Stati Uniti si estendono su una grande area compresa tra Canada a nord e Messico a sud, Oceano Atlantico a est e Oceano Pacifico a ovest.

La parte orientale degli USA è dominata dalla presenza del sistema montuoso degli Appalachi
Lungo la costa occidentale le Montagne Rocciose si snodano per più di 4.000 km
Al centro si estendono le Grandi Pianure
A nord-est sono delimitate dai Grandi Laghi che, collegati tra loro, formano una delle più grande riserve d’acqua dolce della Terra
A sud scorrono numerosi fiumi, tra cui il Mississippi, il fiume più lungo degli USA (3.780 km)

Fanno parte degli Stati Uniti :
L’Alaska, che si trova nell’estremità nord-occidentale del continente americano, è percorsa da gole fluviali e da catene montuose
Le Hawaii, isole di natura vulcanica e corallina, che si trovano nell’oceano pacifico a quasi 5.000 km dalle coste degli USA
Il Terrorismo Isamico
Gli attentatori suicidi isamici, entrano in locali pubblici affollati o salgono negli autobus stipati con gli abiti imbottiti di esplosivo e si fanno saltare in aria, provocando stragi di inermi cittadini.
Il suicidio che fa strage di nemici considerato un dovere religioso, è uno degli aspetti del terrorismo islamico, un modo di combattere in difesa della religione islamica che è diventato protagonista degli eventi più recenti della nostra storia.

11 Settembre 2001
Erano le 8.45 di mattina a New York e già migliaia di persone avevano raggiunto il loro posto di lavoro nelle Torri Gemelle, due grattacieli di 110 piani che si innalzavano a Manhattan, simbolo del potere economico americano. La tragedia si abbatté sulla città, inattesa e fulminea: due aerei di linea, carichi di passeggeri, in balia di un commando terroristico, andarono a schiantarsi contro le torri, squarciandole e provocandone il crollo. Sotto gli occhi di tutto il mondo, collegato in diretta dalla televisioni, le torri si afflosciarono su se stesse, una dopo l’altra, in un ammasso infuocato di cemento, di acciaio, di schegge di vetro, sotto il quale rimasero sepolti tutti colore che non erano riusciti a fuggire. Le vittime furono circa 3.000.


Il Jazz
La musica jazz nasce negli Stati Uniti tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, dopo la fine della guerra di secessione ed ha origine dalle caratteristiche di quella nazione:
nasce a a New Orleans (Lousiana) da gruppi di neri che si ritrovavano insieme per suonare nelle bettole alla foce del Mississipi
la popolazione africana, povera, sfruttata e priva di diritti, trovò nella musica la possibilità di esprimere i propri sentimenti
repertorio: Spiritual, Gospel, Work songs
suonato dalle Jazz band composte da:
sezione melodica (clarinetto, tromba, sassofono, pianoforte,...)
sezione ritmica (batteria, basso, pianoforte,...)
Varianti: Blues, Ragtime, Swing, Be bop, Cool Jazz, Hard bop, Free Jazz, Jazz Rock, Fusion
La Lousiane
Cet immense territoire a été exploré en 1682 par René Robert Cavalier de la Salle, et a été appelé « Louisiane » en l’honneur du Roi de France Louis XIV.
La Nouvelle-Orléans a été fondée en 1718 et a été nommée ainsi en l’honneur du Régent Philippe D’Orléans.
Les français est la seconde langue officielle après l’américain.
Plusieurs styles musicaux caractérisent la région : jazz, cadien, folk, country, rock…

La Louisiane est l’un des états où aurait été créée la funk music. La ville de la Nouvelle-Orléans est les berceau du jazz. Il est originaire de Congo Square, la place située au nord du quartier français et a forgé sa réputation grâce à de grands artistes tells que
Louis Armstrong.
LA PALLAVOLO
La pallavolo (o volley) è uno sport giocato da due squadre composte da un massimo di 12 giocatori (13 con il secondo libero o 14 con un terzo libero). Durante ogni partita, disputata con un pallone su un terreno di gioco rettangolare, diviso da una rete, le due squadre schierano in campo contemporaneamente sei giocatori ciascuna. Lo scopo del gioco è far cadere la palla nel campo avversario o all'esterno del terreno di gioco dopo un tocco avversario. Ogni squadra ha a disposizione 3 tocchi.
Le partite si disputano al meglio dei 5 set, ossia vince la gara la squadra che ne conquista tre.

Il campo:
il terreno di gioco è un rettangolo di 18x9 m, circondato da una zona libera larga almeno 3 m in ogni parte.
La rete:
la rete è posta ad un'altezza nella sua parte superiore di 2,43 metri per le gare maschili e 2,24 metri per le gare femminili; nei campionati giovanili l'altezza della rete varia a seconda della categoria.
La palla : la palla deve essere di cuoio vero o sintetico e deve avere una forma sferica, una circonferenza di 65–67 cm, un peso di 260-280 grammi

I ruoli :
i ruoli della pallavolo sono cinque:
• Palleggiatore
• Schiacciatore laterale o schiacciatore di banda (detto anche “di mano”, “ala”, o “martello”)
• Schiacciatore opposto
• Centrale
• Libero

I fondamentali
Per "fondamentale" si intende un'azione specifica che compie il giocatore di pallavolo. Vengono chiamati "fondamentali" in quanto devono far parte del bagaglio tecnico di ogni giocatore e dovrebbero essere appresi fin dai primi anni qualunque sia la sua specializzazione nel futuro (centrale, laterale, opposto, alzatore, libero). Nella pallavolo ci sono tre fondamentali:
• palleggio / bagher / battuta

Il muro e l'attacco
sono azioni secondarie, importanti ugualmente per lo svolgimento di una partita, ma che non possono essere definiti fondamentali.

La Pallavolo è stata inventata negli Stati Uniti, alla fine del diciannovesimo secolo (9 febbraio 1895) da William C. Morgan insegnante di educazione fisica presso l'Università di Hollyocu, nel Massachusset.
I GRATTACIELI
Il grattacielo è un edificio di grandi dimensioni ed espanso in senso verticale verso l'alto, costituito da un gran numero di piani abitabili.
L'etimologia del termine, che deriva dall'inglese skyscraper, significa letteralmente "che gratta il cielo”.
Viene considerato un grattacielo qualsiasi edificio di altezza superiore ai 100 metri. Tuttavia al di là della misurazione dell'altezza in metri è di uso comune considerare come grattacieli tutti quegli edifici che superino i 15 piani di altezza.
Attualmente meno di venti edifici in tutto il pianeta possono essere definiti come super grattacieli e fra questi solamente 10 (a partire dalle Twin Towers o Torri Gemelle di New York completate nel 1973 e distrutte l'11 settembre del 2001) hanno superato i 400 metri di altezza, mentre solo 6 edifici superano attualmente i 100 piani.
Ecco la classifica dei grattacieli più alti del mondo dal terzo al primo :

3. One World Trade Center (541 metri)
Si tratta dell’edificio principale del nuovo complesso del World Trade Center a Manhattan, New York. Il grattacielo ha 104 piani.

2.Abraj Al Bait (601 metri)
Le Abraj Al-Bait Towers rappresentano un complesso di edifici a La Mecca, in Arabia Saudita. Queste torri sono una parte del progetto del Re Abdulaziz che si sforza di modernizzare la città santa nella ristorazione per i pellegrini. Il complesso detiene diversi record mondiali: torre dell’orologio più alta del mondo, il quadrante più grande del mondo, e l’edificio con la più grande superficie del mondo.

1.Burj Khalifa (829,8 metri)
Conosciuto come Burj Dubai prima della sua inaugurazione, è un grattacielo di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, ed è la più alta struttura artificiale del mondo con i suoi 829,8 metri.

New York City
La Lousiane
PoP Art
Il territorio
La Geografia
I terremoti e la Tettonica a Placche
Il terremoto (o sisma)
è una rapida e improvvisa vibrazione della crosta terrestre, causata da deformazioni e rotture che si verificano nelle rocce.
Le rocce della crosta terrestre hanno un comportamento rigido e sono sottoposte a forze spesso intense; si accumulano quindi delle tensioni dotate di grande energia. Quando l’energia che si è accumulata nel tempo si libera improvvisamente, provoca rapidi scuotimenti della superficie terrestre, appunto i terremoti.

Le fratture che si determinano nelle rocce in seguito a un terremoto prendono il nome di
faglie
. La sismologia è la scienza che studia i terremoti.

Il terremoto ha origine in un punto al di sotto della superficie terrestre, detto ipocentro
L’energia del terremoto si propaga dall’ipocentro sotto forma di vibrazioni che si propagano come onde, dette onde sismiche
Il terremoto si avverte dapprima nell’epicentro, il punto sulla superficie terrestre posto sopra l’ipocentro, e da questo poi si propaga nelle aree circostanti
Se l’epicentro è localizzato su fondali marini, le onde sismiche si propagano nell’acqua provocando la formazione di onde che, avvicinandosi alla costa, diventato sempre più alte: si parla allora di maremoto o tsunami (con onde distruttive anche di 30 mt)


La Tettonica delle Placche:
Nel 1967 gli scienziati Morgan e McKenzie formularono la teoria della tettonica delle placche (o delle zolle). Secondo tale teoria, la litosfera non forma un guscio continuo, ma si presenta fratturata, divisa in una serie di placche (o zolle). Le placche “galleggiano” sulla sottostante astenosfera e sono mobili. I continui movimenti delle placche spiegherebbero il movimento dei continenti e l'origine degli elementi costruttivi della Terra: fondali oceanici, catene montuose, vulcani, ecc… La parola tettonica infatti deriva dal greco e significa “costruzione”.

Due placche confinanti possono allontanarsi l’una rispetto all’altra, scorrere l’una accanto all’altra in direzione opposte, oppure entrare in collisione:
L’allontanamento delle placche porta alla formazione di nuova crosta terrestre; da decine di milioni di anni la placca eurasiatica e quella africana si stanno allontanando dalle placche nord e sud-americana e ciò provoca l’espansione dell’oceano atlantico.
Lo scorrimento di due placche l’una accanto all’altra, in direzioni opposte, avviene lungo fratture chiamate faglie
Nella collisione tra due placche le conseguenze sono diverse a seconda che si “scontrino” una placca oceanica e una continentale, due placche oceaniche o due placche continentali

Sono state individuate circa 20 placche. Alcune sono costituite solo da litosfera oceanica (placca del Pacifico, di Cocos e di Nazca), altre invece comprendono litosfera sia continentale sia oceanica (placca eurasiatica, africana, nord-americana, sud-americana).


Il terremoto di San Francisco fu un sisma violento che colpì la città di San Francisco (Stati Uniti) la mattina del 18 aprile 1906. Liberò un'energia paragonabile a quella sviluppata dalla bomba atomica sganciata su Hiroshima.

La Faglia di Sant'Andrea:
In corrispondenza della California, si estende per 1287 Km una grande frattura geologica della crosta terrestre detta faglia di Sant’Andrea.
In questa regione degli Stati Uniti, la zolla nord–americana e la zolla del Pacifico scorrono l’una accanto all’altra in direzioni opposte e questo scorrimento ha provocato la formazione di una serie di fratture nella crosta terrestre, che hanno dato appunto origine alla faglia di Sant’Andrea.

Secondo alcuni sismologi, in queste zone , nei prossimi decenni potrebbe verificarsi un disastroso terremoto, detto
“The big one”
, il grande terremoto, paragonabile o addirittura superiore a quello avvenuto nel 1906.
New York City
New York, the world’s most important business, financial and cultural city, is full of energy and excitement.
The area of land was once called “Manna-hata” which means “Island of many hills”. Years ago it was the home of the Lenape Native Indians, but it is now a forest of skyscrapers. In the 19th century immigration and development transformed the city.
Besides Manhattan, there are four other boroughs:
The Bronx,
Brooklyn
Staten Island
Queens
They are linked to Manhattan by numerous bridges, ferries and tunnels.

The Statue of Liberty
The Statue of Liberty is a huge sculpture on Liberty Island in New York Harbour.
It was a gift to the USA from the people of France in thanks for the French-American Alliance during the American revolution.
It is a statue of a woman with the broken chains of tyranny at her feet.

City of Culture
New York City is an important international center for music, film, dance and visual art. The city has more than 500 art galleries, the Guggenheim Museum and Moma, which is the Museum of Modern Art.
New York is the birthplace of hip-hop, punk, rock and the Beat Generation (a group of American writers who became famous in the 1950’s).
Pop Art
xxx
Nel 1967 gli scienziati Morgan e McKenzie formularono la teoria della tettonica delle placche (o delle zolle). Secondo tale teoria, la litosfera non forma un guscio continuo, ma si presenta fratturata, divisa in una serie di placche (o zolle). Le placche “galleggiano” sulla sottostante astenosfera e sono mobili. I continui movimenti delle placche spiegherebbero il movimento dei continenti e l'origine degli elementi costruttivi della Terra: fondali oceanici, catene montuose, vulcani, ecc… La parola tettonica infatti deriva dal greco e significa “costruzione”.

Due placche confinanti possono allontanarsi l’una rispetto all’altra, scorrere l’una accanto all’altra in direzione opposte, oppure entrare in collisione:
L’allontanamento delle placche porta alla formazione di nuova crosta terrestre; da decine di milioni di anni la placca eurasiatica e quella africana si stanno allontanando dalle placche nord e sud-americana e ciò provoca l’espansione dell’oceano atlantico.
Lo scorrimento di due placche l’una accanto all’altra, in direzioni opposte, avviene lungo fratture chiamate faglie
Nella collisione tra due placche le conseguenze sono diverse a seconda che si “scontrino” una placca oceanica e una continentale, due placche oceaniche o due placche continentali

Sono state individuate circa 20 placche. Alcune sono costituite solo da litosfera oceanica (placca del Pacifico, di Cocos e di Nazca), altre invece comprendono litosfera sia continentale sia oceanica (placca eurasiatica, africana, nord-americana, sud-americana).


Andy
Warhol

La Pallavolo
La Globalizzazione
La globalizzazione consiste essenzialmente nella liberalizzazione dei mercati con l’abolizione di ogni ostacolo, a cominciare dalle barriere doganali, e con il libero movimento di merci e servizi. In altre parole, la produzione, la commercializzazione, la distribuzione delle grandi aziende non sono più limitate allo Stato in cui hanno la loro sede, ma si estendono al mondo intero, che diventa così
un unico, grande mercato.
La globalizzazione e':
un fenomeno progressivo, che si è sviluppato nel tempo in modo inarrestabile
ispirata al liberismo, sistema basato sulla libera concorrenza e che limita l’intervento dello Stato alla difesa della stessa e all’erogazione di pochi e determinati servizi pubblici
un’unica grande economia mondiale a favore della quale si schierano i Paesi più ricchi e industrializzati e le potenti istituzioni da loro fondate e controllate, quali la Banca mondiale, l’Imf (Fondo monetario internazionale), l’Omc (Organizzazione mondiale del commercio),
le multinazionali, il G8

Gli Oppositori
Dall’altra parte della barricata stanno i movimenti che contestano fortemente la globalizzazione e le sue istituzioni, organizzando proteste e manifestazioni.
La prima significativa protesta, avvenne nel 1999 a Seattle, negli Usa, dove si teneva una riunione del Wto. Nacque allora un vero e proprio movimento transnazionale, denominato poi
No Global.
L
’attività del movimento si concretizza nell’organizzare manifestazioni, nel boicottaggio di prodotti commerciali, nella controinformazione. I No global organizzano puntualmente dei “controvertici” nelle stesse città dove si tengono le riunioni del G8. Tristemente famoso è quello istituito nel 2001 a Genova, quando si riunirono gli otto Grandi della Terra. Tra i manifestanti pacifisti si infiltrarono gli aderenti ad alcune sigle dell’antagonismo, quelle che teorizzano la necessità degli scontri.
I più attivi furono i seguaci di alcuni collettivi anarchici e delle frange più dure dei ceti sociali.
Da fuori confine arrivarono i più pericolosi, i
Black Bloc.

SMS Caduti di Cefalonia
Anno Scolastico 2013-2014
Sara Bocchiardo 3D
Gli Stati Uniti
d'America
Pop Art
La Pop Art è un movimento artistico nato tra l'Europa e l'America negli anni Cinquanta e Sessanta del 20° secolo. Attraverso la scelta del termine pop la Pop Art vuole identificare un'arte che parla un linguaggio che tutti conoscono: quello dei mass media, della pubblicità, della televisione e del cinema, ovvero il linguaggio tipico della società dei consumi (
Pop=Popular
).
La pop art sperimenta
tecniche inedite
, si serve di fotografie ritoccate, di collage e assemblages, di sculture in gesso e persino di gesti teatrali per svelare luci e ombre del recente benessere e denunciare lo smarrimento dell'uomo di fronte a una civiltà che impone desideri sempre nuovi e sogni sempre più amplificati.
Andy Warol
(1930-1987) è il rappresentante più tipico della pop art americana. Figlio di un minatore cecoslovacco emigrato negli Stati Uniti, egli è uno dei rappresentanti più tipici della cultura nord-americana, soprattutto per la sua voluta ignoranza di qualsiasi esperienza artistica maturata in Europa; l’arte di Warhol si muove unicamente nelle coordinate delle immagini prodotte dalla cultura di massa americana.
E l’opera intera di Warhol appare quasi un catalogo delle immagini-simbolo della cultura di massa americana: si va dal volto di
Marilyn Monroe
alle inconfondibili bottigliette di
Coca Cola
o dei barattoli della
zuppa Campbell
, dal simbolo del dollaro ai detersivi in scatola, e così via.
Nel 1963 raccoglie intorno sé numerosi giovani artisti, costituendo una comune a cui diede il nome di «factory».

Muore il 22 febbraio 1987 nel corso di un intervento chirurgico.


Full transcript