Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

laboratorio di tecnologie didattiche

No description
by

roberta pautasso

on 12 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of laboratorio di tecnologie didattiche

laboratorio di tecnologie didattiche
episodi di apprendimento situato

il modello degli Episodi di Apprendimento Situato E.A.S.
P.C. Rivoltella CREMIT Milano
Azioni dell'insegnante

-Sistema reticolare:
la didattica per EAS scardina il sistema gerarchico docente-studente e afferma l’importanza del contributo di ognuno, proponendosi come strumento fortemente democratico
"didattica per tutti a misura di ciascuno"

cambia il ruolo dell’
insegnante
che diventa sempre più
tutor, consigliere, facilitatore, animatore di rete
e non solo trasmettitore di conoscenze e cambia il tipo di interazione che consente di sviluppare
attività di cooperazione e collaborazione
tra studenti e tra docente e studenti.
la scuola come il luogo della
ricomposizione dei saperi, di promozione di interattività e scambio, di ricerca culturale, etica e sociale, dove fare cultura usando molti linguaggi
insieme (
Multiliteracies
).


- Multicanalità e Multimedialità:
per i
nativi digitali
(M.Prensky, 2001) media e T.I.C. rappresentano la cultura in cui vivono, costruiscono e scambiano significati;

il docente può trarre vantaggi se orienta la lezione verso una
pratica multicanale
(A.Pian)


-Tempi brevi:
L’articolazione in
micro-learning
, oltre a condurre all’acquisizione di conoscenze e abilità, mette in moto
processi metacognitivi
che, una volta riconosciuti ed esplicitati, promuovono una loro replicabilità in altri contesti a sostegno di una sempre maggiore autonomia di apprendimento.
-Centralità dello studente:
il modello EAS si rivela uno strumento prezioso a
valorizzare la persona in tutti i suoi aspetti cognitivi, affettivi, relazionali, corporei, estetici, etici, spirituali e religiosi.

Mette in primo piano le attività (individuali e di gruppo) degli studenti che, coinvolti nel ritmo ternario delle azioni-chiave che devono affrontare (trova, elabora, condividi; smonta, rimonta, pubblica; comprendi, agisci, rifletti),
“imparano ad imparare”, sono i veri responsabili della propria formazione
.




-Apprendimento significativo:
una didattica per EAS promuove un
apprendimento attivo, costruttivo, cooperativo, autentico, intenzionale
(Jonassen 2007).




-Didattica per competenze:
l’EAS si propone come modello per affrontare la complessità e nei suoi tre momenti ottimizza i tre scenari di base dell’apprendere secondo le neuroscienze: è costruito sull’
esperienza
,
presuppone
momenti di modellamento e imitazione
,
si basa su
decisioni anticipatorie
.



-----grazie per l'attenzione-----
New media Literacy, la capacità da parte di giovani e di adulti di acquisire le competenze necessarie per essere fruitori consapevoli e partecipanti attivi della cultura che nasce nel contesto dei nuovi media.
consegna n° 3
Progettazione di un Episodio di Apprendimento Situato
consegna 1:

Fare una breve riflessione sulle potenzialità del modello EAS nella propria disciplina
TECNOLOGIA
NELLA
SCUOLA
MEDIA
consegna n° 2
Completare lo schema guida realizzando un Eas
per la propria classe
.......... alcuni spunti di riflessione


la “migrazione” verso un cambiamento fondamentale, quello di
insegnare nella tecnologia (A. Calvani)
, ambiente naturale in cui si realizza l’apprendimento, possa essere intesa come un’opportunità per
“riconsegnare la didattica all’insegnante” (P.C.Rivoltella)

grazie alle potenzialità rappresentate dai nuovi media direi che, in tutti gli ambiti disciplinari, l’EAS fornisce una proposta metodologica importante per ripensare l’azione didattica in termini di :

progettazione
(posso ridefinire in tempi reali gli equilibri della mia didattica se
ripenso alla progettazione in termini modulari

se effettuo un lavoro di design
D.Laurillard –
se ripenso alla progettazione come montaggio di oggetti culturali
P.Francastel),

comunicazione
(si modifica nella direzione del
pensiero breve, problem solving, make&sharing, debriefing
)

e valutazione

(varia nella direzione del
new assessment
:
i momenti dell’attività didattica valgono come prove
e l’insieme dei compiti vanno a costruire il
portfolio
).



teoria & approfondimenti

- il metodo freinet


piani di lavoro individuali
schede didattiche, conferenze degli studenti, testo libero
lezione a posteriori
Célestin Freinet
(Gars, 15 ottobre 1896 – Saint-Paul-de-Vence, 8 ottobre 1966)
- la flipped lesson
Eric Mazur, Università di harvard (1991)
la funzione del computer nel processo di apprendimento
LMLG http://www.londonmobilelearning.net/
-mobile learning
-J.P.Gee "What video games have to teach us about learning" 2007
-Henry Jenkins
- Luca Toschi il concetto di comunicazione generativa (2011)
-Don Milani il modello della Scuola di Barbiana
-https://it.khanacademy.org/
-CREMIT BLEC model---Blended (percorso misto in presenza/online)-Coaching (accompagnato da un coach)-E-tivities centrato su micro-attività) Rivoltella, Modenini, 2012.........................................
...................alberto pian
paolo ferri "nativi digitali"
Marc Prensky nel suo Digital Natives, Digital Immigrants (2001)
paulo freire

la scuola come luogo di ricerca culturale, sociale ed etica
l'insegnante come regista della didattica multicanale
FASE 1
FASE 2
FASE 3
MOMENTO PREPARATORIO
Design: Trasposizione, mediazione
Azioni didattiche:
fare esperienza step di progettazione 1. preparare lavoro a casa
2.preparare framework concettuale
3.scegliere lo stimolo per l'attività
concettualizzare step di progettazione 4. preparare schede di supporto
per il lavoro a casa
5. preparare la presentazione del
framework concettuale
analizzare step di progettazione 6. fornire indicazioni nelle schede
di supporto
Apprendimento: per acquisizione, per ricerca
LOGICA DIDATTICA:
PROBLEM SOLVING

FASE OPERATORIA
Design: Regolazione

Azioni didattiche:
Analizzare
step di progettazione 7. costruire la
Applicare consegna per l'attività in classe

Apprendimento: Attraverso la pratica per collaborazione
LOGICA DIDATTICA:
LEARNING BY DOING
MOMENTO RISTRUTTURATIVO
Design: Documentazione

Azioni didattiche:

Discutere step di progettazione 8. preparare la scaletta per il debriefing


Pubblicare step di progettazione 9. immaginare output e storyboarb

Apprendimento: Attraverso discussione, per collaborazione

LOGICA DIDATTICA:
REFLECTIVE LEARNING
Azioni dello studente


Strumenti
momento preparatorio
assegna compiti
disegna ed espone un
framework concettuale
fornisce uno stimolo
dà una consegna
momento operatorio
momento ristrutturativo
momento preparatorio
produce e condivide un artefatto
momento ristrutturativo
analizza criticamente gli artefatti
sviluppa riflessione sui processi attivati
momento operatorio
svolge i compiti assegnati
ascolta, legge e commenta
definisce i tempi dell'attività
organizza il lavoro individuale e/o di gruppo
valuta gli artefatti
corregge le misconception
fissa i concetti
short writing
mappe mentali
&
mappe concettuali
Mandato di lavoro
Al corsista si richiede la produzione di un EAS completo (struttura progettuale+materiali), esito del lavoro individuale realizzato nelle attività a distanza e implementato in aula nel terzo e nel quarto incontro.

La struttura progettuale dovrà essere completata nella quinta lezione a distanza.

I materiali a corredo delle tre fasi potranno essere dei file realizzati in locale (presentazioni Power Point, immagini, video, audio...) o essere inseriti come link ad artefatti prodotti in ambienti 2.0. I link dovranno essere funzionanti e visualizzabili dal conduttore.
Tutti i materiali o i link dovranno essere postati nell’apposito forum aperto in Aulaweb (consegna finale_EAS_completo), creando un post individuale


Elaborati consegnati:
1) FORMAT DI PROGETTAZIONE
con link per ricerche si internet e video-stimolo

2) Allegati al format di progettazione:

FASE PREPARATORIA
2a) MANDATO PER IL LAVORO A CASA
presentazione in Prezi
2b)video-stimolo
2c) MATERIALE DI SUPPORTO ALLO STUDIO
(file "riciclo materiali.pdf")
2d)GLOSSARIO
FASE OPERATORIA
2d) video - stimolo
2e) artefatti studenti (presentazione su open-office)
FASE RISTRUTTURATIVA
2f) questionario
ANALISI DELLE COMPETENZE E
RUBRICA VALUTATIVA
http://prezi.com/udlztr9l1v5h/eas-1-il-riciclo-dei-materiali/


FASE OPERATORIA
VIDEO -STIMOLO
FASE PREPARATORIA
VIDEO-STIMOLO
ANALISI DELLE COMPETENZE

RUBRICA VALUTATIVA

QUESTIONARIO
Bibliografia e sitografia
- P.C.Rivoltella "Fare didattica con gli EAS" Editrice La Scuola, 2013;
- citazioni da interviste a P.C.Rivoltella ;
- video:
-www.cineblog.it/post/197313/trashed-con-jeremy-irons-dal-12-giugno-nei-cinema-il-trailer-italiano
-www.youtube.com/watch?v=LtKTvaR6XIE
Università degli Studi di Genova P.A.S. a.a. 2013/2014
Full transcript