Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

La droga alla fine degli anni '60: tra guerra e protesta

No description
by

Francesco Zaccaria

on 28 June 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La droga alla fine degli anni '60: tra guerra e protesta

Saigon
San
Francisco
La droga alla fine degli anni '60: tra guerra e protesta
Guerra del Vietnam
Gli hippy
Il movimento hippy nasce durante gli anni '60 a San Francisco
Deriva da "hipster", termine inizialmente utilizzato per descrivere i rappresentanti della beat generation che si erano trasferiti in città
Lo stile di vita hippy ha tra i suoi punti cardine valori come la libertà, la pace, la rivoluzione sessuale,il rock psichedelico e l'uso di stupefacenti (LSD, marijuana, eroina...)
"Fate l'amore, non la guerra "
La droga
Col termine droga si intende un prodotto di origine naturale (vegetale o animale) o sintetica contenente sostanze farmacologicamente attive, dette principi attivi.
Sostanza stupefacente (sostanza psicoattiva): sostanza farmacologicamente attiva capace di alterare l'attività mentale e lo stato di coscienza dell'individuo che ne fa utilizzo inducendolo, in diversi gradi, a fenomeni di:

dipendenza

astinenza

tolleranza


assuefazione
Le droghe, in base ai loro effetti farmacologici, vengono calssificate in:
Deprimenti: oppiacei, barbiturici, tranquillanti
Stimolanti: cocaina, anfetamina, caffeina...
Allucinogene: LSD, marijuana, hashish...
LSD
Dietilamide-25 dell'acido lisergico C20H25N3O
È la più famosa e diffusa tra le sostanza allucinogene
Non causa allucinazioni ma altera la percezione e l'umore
Amplifica i sensi e distorce la percezione della realtà
si ingerisce per via orale sotto forma liquida, di compresse o di francobolli (cartoncini colorati imbevuti di principio attivo)
Una volta ingerita fa effetto dopo un'ora e si prolunga per le seguenti 8-10 ore
Assorbita dal tratto gastrointestinale
Si diffonde rapidamente in tutti i tessuti e nel SNC a livello dei recettori serotoninergici 5-HT
I primi effetti sono:
vertigini
amplificazione dei suoni
esaltazione del tatto
dispercezione temporale
sbalzi di umore
A livello fisiologico agisce sul SNA manifestando:
dilatazione pupillare
iperestensione arteriosa
iper-riflessia
tachicardia
aumento della temperatura corperea

Effetti collaterali
Usata a lungo termine può causare effetti
a livello cronico:
psicosi
paranoia
depressione
flashback
Al contrario della maggior parte delle droghe l'LSD non crea dipendenza fisica.
Non sono stati registrati casi di morte per overdose da LSD.
Eroina e soldati
Durante la guerra in Vietnam era solito tra i soldati fare uso di marijuana
A partire dal '68 l'eroina cominciò a diffondersi
Il "triangolo d'oro" (Laos, Birmania, Thailandia) era il centro della coltivazione del papaverum somniferum
L'eroina è un oppiaceo ed è quindi una droga deprimente
anestetizza fisicamente e emotivamente, riducendo drasticamente la percezione del dolore
abbassa la respirazione
riduce la pressione sanguigna
abbassa la temperatura corporea
induce forte sonnolenza che può portare al coma
I vietcong favorivano il commercio di droga per indebolire l'esercito nemico e ridurne l'efficacia bellica
1954: conferenza di Ginevra: Vietnam diviso in due: nord (comunista) e sud (liberale filo-americano)
Stati Uniti vogliono impedire l'espansione del comunismo
1964: USA entrano definitivamente in guerra
1968: OFFENSIVA DEL TET
1969-70: "vietnamizzazione del conflitto" fallisce in seguito alle sconfitte in Laos e Cambogia
27 Gennaio 1973: Pace di Parigi: USA si ritirano dalla guerra
30 Aprile 1975: Saigon viene occupata e cade il governo liberal-democratico
Si tratta della prima grande sconfitta militare degli Stati Uniti d'America
Offensiva del Têt
Il Têt Nguyên Dàn è il capodanno vietnamita e corrisonde al 30 gennaio del calendario occidentale
La notte del 30/01/1968 la NVA (North Vietnam Army) e i vietcong attaccarono,a sorpresa, le principali città del Vietnam del Sud, dopo che alcuni giorni prima avevano dichiarato una settimana di tregua in vista dei festeggiamenti del Têt

L'attacco più violento venne fatto alla base americana di Khe Sanh
La guerriglia è la tattica scelta dal NVA, grazie ad essa riescono ad occupare quasi tutte le città attaccate
Nei successivi due mesi l'esercito americano riconquistò i territori persi e i confini tornarono quelli di prima. La fine di questa operazione segnò una netta vittoria militare degli USA ma il Vietnam del Nord ottenne una vittoria psicologica, dando segno di non essere spacciato come il resto del mondo credeva. Da quel momento iniziò il declino degli USA che si concluse con il ritiro delle truppe nel 1973.
I numeri
Alla fine dell'operazione USA e alleati contarono circa:
4000 morti
20000 feriti
600 dispersi
Mentre l'NVA conobbe numeri molto più grandi:
tra i 25000 e i 45000 morti
tra i 30000 e i 50000 feriti
circa 5000 prigionieri
Forti perdite si registrarono purtroppo
anche tra i civili:
14000 uccisi
24000 feriti
The journals
Baltimore
"In the 8- to 12-month period since their return, about 10% had some experience with opiates, but less than 1% had shown signs of opiate dependence... The results indicate that, contrary to conventional belief, the occasional use of narcotics without becoming addicted appears possible even for men who have previously been dependent on narcotics."
The article
In this extract taken by the article "DRUG USE BY U.S. ARMY ENLISTED MEN IN
VIETNAM: A FOLLOW-UP ON THEIR
RETURN HOME" written by LEE N. ROBINS,
DARLENE H. DAVIS and DONALD W. GOODWIN, there are the results of studies made ​​on the soldiers returned from the war:

American Journal of Epidemiology August 30, 1973
Newspapers around the world and most of those Americans, had the obligation to report to the people what their envoys in Vietnam testified. Of course the newspapers insisted on the atrocities of the war also showing pictures very hard to digest, thus fomenting the popular uprising.
This photo was taken by Eddie Adams during the offensive of Têt and shows the North Vietnamese general Nguyen Ngoc Loan which eliminates a prisoner. He won the Pulitzer in 1969
At the end of the war were also published data on drug use during the conflict: almost all the soldiers had used marijuana and more than half used heroin. Pilots in particular were using amphetamines to stay focused and not be afraid of the conflict.
Full transcript