Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

concorso infanzia sostegno

No description
by

francesco ferrante

on 5 August 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of concorso infanzia sostegno

Concorso a cattedra 2016
CLASSE di CONCORSO – ADAA Sostegno Infanzia
Candidata:
Annamaria Maggiore
Analisi della situazione
La sezione
Risorse umane
disponibili
docente della sezione;
insegnante di Sostegno;
assistente educativo;
mediatore culturale.
Risorse strumentali
LIM;
materiale di facile consumo (cartelloni, lana, fermacampione..);
materiali per la manipolazione (pasta di sale);
indumenti;
materiale strutturato (cerchi, cubi...).
Spazi e ambienti
uso flessibile della sezione in base alle attività;
laboratorio artistico;
palestra/salone;
angolo dei discorsi e parole.
PREMESSA
SCELTA METODOLOGICA
Metodo scientifico sperimentale, basato sulla Ricerca-azione e attuato con la tecnica dello Sfondo integratore mediante:

svolgimento di attività guidate, manipolative, di tipo ludico mediate dall'insegnante;
brainstorming;
attività laboratoriale;
cooperative learning e peer tutoring mediante la costituzione di coppie (inclusione);
esplorazione diretta nella scuola (mediante l'utilizzo dei concetti topologici di base).
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

conoscere il corpo e saper rappresentare la figura umana;
eseguire percorsi integrando schemi motori statici e dinamici;
sapere eseguire percorsi seguendo delle istruzioni verbali;
relazionarsi con gli altri durante i giochi simbolici e cooperativi.
PREREQUISITI

La classe
:
conosce e denomina le principali parti del corpo;
controlla gli schemi motori di base statici e dinamici;
partecipa alle attività cooperative e di gruppo.
PROCEDURE DI SVOLGIMENTO

- Definizione del tema che funge da sfondo integratore
- Attività:
- Organizzazione del contesto
- Coinvolgimenti:
- Materiali, Sussidi e Strumenti:
- Percorsi

- Per l’alunno x:

- Per l’alunno Y:
VALUTAZIONE

Giulia ha la Sindrome di Down, certificata ai sensi della Legge-quadro 104/92, art. 3, comma 3.

presenta una lieve difficoltà di apprendimento;
è ben disponibile alla comunicazione e si fa ben comprendere;
manifesta ampia disponibilità a relazionarsi con i docenti e con i compagni;
fruisce dell’insegnante di sostegno;
è ben seguita dalla famiglia.
Amine proviene da una famiglia marocchina di recente immigrazione (6 mesi). La precaria situazione occupazionale dei genitori lo pone in condizione di svantaggio socio-culturale che lo porta ad isolarsi dai compagni.
è dotato di buona intelligenza;
partecipa con interesse alle attività proposte dai docenti;
comprende semplici messaggi in lingua italiana.
CAMPO DI ESPERIENZA PRINCIPALE
IL CORPO E IL MOVIMENTO
TRAGUARDO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE
" Il bambino vive pienamente la propria corporeità [..]. Riconosce il proprio corpo, le sue diverse parti e rappresenta il corpo fermo e in movimento."
OBIETTIVO FORMATIVO
Stimolare gli alunni a cogliere e a vivere la propria corporeità.
CAMPI DI ESPERIENZA TRASVERSALI
TRACCIA
Amine:
memorizzare e usare correttamente nuove parole;
ascoltare, comprendere e riprodurre frasi semplici.
Amine:
memorizza nuove parole;
ascolta, comprende e usa semplici parole.
Giulia
Considerato quanto espresso nella Diagnosi Funzionale e nel Profilo Dinamico Funzionale si ritiene opportuno, dati i suoi prerequisiti, effettuare lo stesso percorso della classe progettando di perseguire gli stessi obiettivi.
COSTRUIAMO...
COOPERATIVE LEARNING IN COPPIA
5 anni: disegna la sagoma
4 anni: fa da modello
INSIEME costruiscono le parti del viso con la pasta di sale colorata.
ATTACCANO le parti del viso con il velcro
VESTONO le sagome con abiti usati donati alla scuola
COS'HA DI DIVERSO DA ME?
BRAINSTORMING
DESTRA
SINISTRA
AVANTI
INDETRO
SOPRA
SOTTO
MOVIMENTO
ANIMIAMO
I bambini ritagliano braccia e gambe della sagoma e li ricollocano al posto giusto con i fermacampione.
BALLIAMO...
Muovendosi seguendo il testo della canzone i bambini sperimentano su se stessi i vari schemi motori.
Per facilitare la comprensione ai bambini con BES ad ogni concetto topologico verrà associato un colore.
INTERAGIAMO...
http://www.atuttalim.it/index.php/lo-schema-corporeo
http://www.atuttalim.it/index.php/davantiedietro
http://www.atuttalim.it/index.php/destraesinistra
http://www.atuttalim.it/index.php/sopra-e-sotto
DESTRA
SINISTRA
SOPRA
SOTTO
AVANTI
INDIETRO
PERCORSI...
VERIFICA
4 ANNI
: eseguire il percorso seguendo indicazioni verbali
5 ANNI
: eseguire il percorso bendati seguendo le indicazioni verbali
GRAZIE PER LA VOSTRA CORTESE ATTENZIONE!
DIAGNOSTICA

Viene effettuata prima
dell'inizio dell'UDA e
serve ad accertare
le preconoscenze
degli alunni.
FORMATIVA

Effettuata in itinere,
serve ad accertare le abilità
conseguite e a verificare la
validità del metodo scelto.
SOMMATIVA

E' la valutazione finale che tiene conto anche di altri elementi oltre che dei risultati delle verifiche.
E' centrata sulle caratteristiche personali dell'allievo con particolare riferimento al suo percorso di crescita.

DEGLI ALUNNI

Quale attività mi è piaciuta di più? Perché?
Quale attività mi ha annoiato? Perché?
TI è PIACIUTO???
costruire la sagoma?
animare la sagoma?
ballare?
giocare con la LIM?
fare il percorso?
DELL'INSEGNANTE

Il linguaggio utilizzato è stato funzionale alla comprensione?

I supporti didattici alla portata dei bambini?

Quali attività hanno suscitato maggior entusiasmo?

Quali attività sono risultate problematiche?

La differenziazione delle metodologie ha permesso a ognuno di esprimere al meglio le proprie specificità?
AUTOVALUTAZIONE
Il presente lavoro si propone, accanto all'acquisizone delle conoscenze, la valorizzazione dell'unicità e della singolarità dell'identitià culturale di ciascun alunno.
Compito dell'insegnante è far si che le diverisità non si trasformino in disuguaglianze ma che siano fonte di arricchimento per ognuno.
Bisogna far capire ai bambini che non basta convivere nella società, ma che questa società bisogna crearla continuamente insieme.
Ways of class management
individual work;
pair work;
tutoring;
peer education;
cooperative work.
Ambiente di apprendimento

Lo spazio dovrà essere accogliente, caldo, ben curato, orientato dal gusto estetico ed espressione della pedagogia e delle scelte educative di ciascuna scuola.
Nella scuola dell'infanzia la verifica deve essere effettuata mediante l'osservazione del bambino in momenti specifici dell'intervento educativo.

Per conservare traccia del lavoro svolto l'insegnante costruirà per ogni bambino un libro contenente tutti i lavori e le attività svolte affinchè i bambini possano "rileggere" ogni volta che lo vorranno il proprio personale percorso .
Questo permetterà loro di ritornare sui concetti per riguardarli alla luce di nuove acquisizioni e riflessioni arricchendoli di nuovi significati e interiorizzandoli.
TITOLO DEL PROGETTO
Norma di riferimento
Qual è il problema/situazione su cui
si intende intervenire (compresi eventuali BES,…)

Alleanze scuola, famiglia, servizi
Durata della proposta
Requisiti preliminari in possesso dell'alunno
Full transcript