Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Nietzsche: il tempo e la storia

No description
by

Veronica Di Raimondo

on 21 May 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Nietzsche: il tempo e la storia

Foundation L'uomo è un essere storico L'eterno ritorno dell'uguale Teoria cosmologicoontologica pitagorica Results Rimedi per non stritolare il presente nella morsa della storia Antistorico: capacità di poter dimenticare
Sovrastorico: arte e religione La seconda "Considerazione inattuale, sull'utilità e il danno della storia per la vita" si prefigge l'obiettivo di porre un argine alle conseguenze negative della cosiddetta ipertrofia storiografica (l'abuso nel consumo di storia) sulla vita e le civiltà occidentali.
La sua inattualità deriva dal proposito di contrastare tale fenomeno culturale ritenuto costitutivo dell'identità dell'epoca. La vita diventa l'unico canone per misurare la validità della storia. Nietzsche Nel "così parlò Zarathustra" Nietzsche indica il male del suo tempo (nichilismo) e propone la cura (l'annuncio della morte di Dio e l'avvento dell'oltreuomo). Il tempo e la storia L'essere umano è gravato costantemente dal fardello del passato, tuttavia non può ruminare continuamente i suoi ricordi ma bisogna che agisca e perciò dimentichi.

"Per ogni agire ci vuole oblio".

Se non si vuole che il passato sommerga il presente è necessario sgravarsi del suo peso. La storia deve potenziare la vita e mettersi al suo servizio. "In tre riguardi al vivente occorre la storia: essa gli occorre in quanto è attivo ed ha aspirazioni, in quanto preserva e venera, in quanto soffre e ha bisogno di liberazione" Ad essi corrispondono rispettivamente:
la storia monumentale, la storia antiquaria, la storia critica. La storia monumentale è propria di di colui che cerca nel passato modelli da seguire, non trovandoli nello squallore della vita attuale
egli la usa come mezzo contro la rassegnazione deducendo che "la grandezza fu comunque una volta possibile, e perciò sarà possibile anche un'altra volta" La storia antiquaria consiste in quell'attività di venerazione e conservazione che coinvolge tutto ciò che appartiene al passato La storia critica si pone in maniera radicalmente negativa verso il passato, lo valuta, lo condanna e lo relega nel dimenticatoio sbaglia nel recidere completamente i ponti con il passato e nel ritenersi autonoma rispetto ad esso può condurre all'immobilismo se si traduce in esaltazione del passato, e inibire qualsiasi nuova creazione "In ogni momento il mondo è completo e tocca il suo termine" Il crollo delle certezze metafisiche funge da banco di prova per testare le capacità dell'uomo nuovo. Solo colui che è in grado di reggere al più abissale dei pensieri potrà edificare un'inedita forma di vita poggiante su valori rinnovati Cristianesimo
Full transcript