Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Presentazione cibi spazzatura piu video

un piccolo intro all'interno del vasto mondo che ormai è parte della nostra quotidianità: quello dei Junk Food!
by

Maria Vittoria Bellofatto

on 19 June 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Presentazione cibi spazzatura piu video

L'outfit tipico dei junk food è così composto:
-Scarso valore nutrizionale
-Elevato apporto energetico
-Elevato apporto di sale da cucina
-Elevato apporto di glucidi raffinati
-Elevato apporto di colesterolo, lipidi saturi e/o acidi grassi idrogenati (trans)
La peculiarità del cibo spazzatura è quella di possedere una densità calorica assolutamente inappropriata allo stile di vita dell'uomo sedentario, ma allo stesso tempo di non ottemperare alle necessità fisiologiche di vitamine, antiossidanti, fibra alimentare, acidi grassi essenziali.
Generalmente, i consumatori abituali del junk food si distinguono per un Indice di Massa Corporea (IMC) che indica sovrappeso od obesità. Ne sono un esempio tipico gli americani, ma l'attitudine al consumo di cibo-spazzatura sta dilagando velocemente anche negli altri continenti.
I danni sistemici che questi junk food apportano all'organismo sono il frutto di un consumo abituale quindi per scongiurare ogni complicazione sarebbe sufficiente limitare il consumo di un hamburger, patatine fritte o snack vari ad una volta al mese.
Il problema è che questa tipologia di cibo è reperibile a buon mercato: i grassi idrogenati, il saccarosio ma anche i dolcificanti, le patate, la carne macinata mista e grassa, sono materie prime che costano pochissimo. In definitiva, il cibo spazzatura costa la metà, fa ingrassare il doppio e nutre 1/10 rispetto al pasto mediterraneo.
Inoltre l'uso smodato causa gravi danni alla salute facendo incorrere l'organismo in patologie degenerative quali ipercolestrolemia, diabete e forme di cancro.


Fast food (espressione inglese traducibile letteralmente come "cibo veloce") è un tipo di ristorazione di origine anglosassone, servita in locali chiamati appunto "fast food", "veloce da preparare e consumare". Si possono incontrare anche fast food ambulanti che forniscono cibo simile e con le medesime modalità. È un sistema rapido di ristorazione che a partire dagli
anni ottanta
ha avuto una vasta diffusione a livello mondiale.
Questa cucina è costituita principalmente da hamburger, hot dog, cotolette, patate fritte, pizze, sandwich, ma anche da altri cibi derivati da cucine etniche, come la cipolla fritta e il kebab, e suggerisce l'uso massiccio di diverse salse come senape, maionese e ketchup. Si tratta di cibi appetibili e quindi efficaci a livello commerciale.
Il fast food è in genere caratterizzato da un costo relativamente modesto, dall'uniformità del servizio offerto e dall'ampia diffusione dei punti vendita. Buona parte dei prodotti offerti è rivolta ai bambini. Anche i colori usati per le confezioni e la possibilità di trovarvi all'interno sorprese serve a fedelizzare un vasto pubblico di futuri consumatori.
Il modello alimentare proposto dai fast food coinvolge anche una quota crescente di adulti che, per motivi essenzialmente legati ai ritmi lavorativi, fa sempre maggiore ricorso a questo tipo di ristorazione, che conduce però a stanchezza e spossatezza.
Nel tentativo di dare risposta a questi squilibri, i gestori delle più note catene propongono nei propri menu anche pasti con minore apporto calorico come insalate e macedonie.

Cibo spazzatura
(l'espressione è un calco dall'inglese junk food) è una tipologia di cibo considerato malsano a causa del suo bassissimo valore nutrizionale e la ricchezza di grassi o zuccheri. Riconducibili a questa tipologia di alimenti troviamo, hamburger, hot dog, patatine fritte, soft drink. Le malattie più comuni verso cui conduce l'uso dei cibi spazzatura sono l'obesità, il diabete, malattie cardiovascolari, alcuni tipi di cancro, depressione, ecc.

E' una malattia cronico-degrenerativa che porta a ictus e infarti. E' dovuta ad un aumento dell'indice di glucosio nel sangue.
Se ne riscontrano due tipologie:
Giovanile -> nasce dalla tenera età, infatti è congenito ed è dovuto alla mancanza delle cellule "Beta" nelle Isole del Langherans( queste fanno parte del pancreas endocrino che si occupa della produzione di ormoni).
Il bambino affetto da questa tipologia di diabete presenta una particolare sintomatologia: non cresce. Questo perchè l'organismo, trovando un eccissiva quantità di glucosio, lo elimina nella sua totalità, altrimenti andrebbe ad assottigliare le pareti arteriose creando ateromi.
Diabete alimentare -> si presenta solitamente nell' adulto che, a differenza del bambino, di sovrasfruttare le cellule Beta con una nutrizione sbagliata. E' curabile con l'attività fisica che aiuta a smaltire il glucosio nel sangue o con iniezioni d'insulina.
Questo diabete ha tre fasi di sviluppo:
Latente: non presenta sintomatologia e può essere scoperto solo con tre esami.
-Glicemia: determina la quantità di glucosio nel sangue tramite analisi dello stesso( non deve superare i 100 mg/dl) -Glicosuria: analisi delle urine volta a reperirvi glucosio, cosa che un individuo sano non deve presentare. Curva a carico del glucosio: consiste in un prelievo di sangue effettuato prima e dopo colazione e pranzo, per stabilire il corretto funzionamento del pancreas.
Conclamato: E' la seconda fase della malattia in cui compaiono i primi sintomi, tra i quali: -Poliuria -Polifagia
-Sete smodata -rapido dimagrimento
Cronicizzato: E' la fase finale in cui il diabete inizia a degenerare portando a picchi di iperglicemia e ipoglicemia entrambi molto rischiosi per l'individuo.
L'iperglicemia porta a ictus e infarti. (perchè il glucosio corrode le pareti arteriose)
L'ipoglicemia porta al coma perchè il glucosio in scarsa quantità non riesce ad arrivare al cervello.
Fondamentale per i diabetici è l'insulina, che inserisce all'interno delle cellule il glucosio e permette quindi la glicolisi aerobica, grazie alla quale otteniamo energia di pronto utilizzo o di riserva sottoforma di ATP.

Per parlare di ipercolesterolemia è necessario prima fare un preambolo su cosa si il colesterolo.
Si tratta di un grasso complesso prodotto dal fegato( il quale è responsabile della gestione dei lipidi nel corpo) che fa parte della famiglia degli steroidi ed è formato da atomi di carbonio legati ad atomi di idrogeno. E' il precursore degli ormoni sessuali e della vitamina D,ma quando è in eccesso tende a depositarsi sulle pareti arteriose causando ictus e infarti. Può avere origine: Endogena: se deriva dalle attività metaboliche del fegato. Esogena: se viene assunto con l'alimentazione.
Quindi quando andiamo a parlare di ipercolesterolemia vuol dire che il colesterolo, che di norma non dovrebbe superare i 150/200 mg/dl di sangue, è in quantità molto elevata.
E' causa di molte malattie cardiocircolatorie e colpisce il sistema capillare del sistema cardiocircolatorio. L'eccesso può essere di due tipi: forma primitiva: se è di origine genetico-familiare forma secondaria: se è di origine alimentare, farmacologica o derivante da altre malattie come il diabete.
E' da ricordare però che non sempre il colesterolo in eccesso è fonte di malattie, questo perchè può darsi che sia elevato anche il numero di chilomicroni HDL che hanno il compito di rimuoverlo dalle arterie e di favorirne lo smaltimento. Funzione contraria è quella dei chilomicroni LDL che tendono a depositarlo sulle pareti arteriose dal fegato. E' quindi opportuno che i valori di queste lipoproteine di rasporto siano nella media, ovvero: LDL < 130 mg/dl di sangue (LDL< 100 per chi ha già avuto problemi) HDL > 35 mg/ dl di sangue per l'uomo e HDL > 45 mg/dl di sangue per la donna.
Al livello circolatorio il colesterolo che viene rilasciato di chilomicroni si deposita sulle pareti di arterie e capillari, favorendo la formazione di ateromi (inspessimento della parete più interna del vaso sanguigno). che vanno a ridurre il lume della circolazione e rischiano che una parte di essi si stacchi e dia vita ad un coagulo. Le conseguenze sono irreversibili: ictus o infarto.
Se non tenuta sotto controllo l'ipercolesterolemia porta al decesso, ed in Italia il fenomeno sta aumentando sempre di più favorito dall'apertura dei fast food...


Dopo l'espressione americana "OK", "Coca-Cola" è la parola più conosciuta nel mondo
E' una bevanda industriale analcolica di colore scuro è dovuto al caramello presente in essa. La bibita deve il suo nome al fatto che nella sua ricetta sono impiegati, tra le altre sostanze, estratti provenienti dalle noci di cola ed estratti dalle foglie della pianta di coca, questi ultimi privati delle sostanze psicotrope. Nasce nella casa di un farmacista improvvisato di nome John Stith Pemberton con lo scopo di curare mal di testa o leggere emicranie.
Le sostanze psicotrope sono responsabili della modificazione dello stato psichico dell'individuo
EFFETTI NEGATIVI:
La Coca-Cola è stata accusata di provocare danni alla salute, questo perché, fra i suoi ingredienti, figurano la caffeina ed elevate quantità di zucchero. Quindi oltre ad essere una bevanda eccitante è anche molto calorica.
Contiene acido fosforico in altissima concentrazione, tanto da conferirle un valore di pH compreso tra quello dell'acido gastrico e quello dell'aceto.
Inoltre, l'acido fosforico, lega il calcio, il magnesio e lo zinco nell'intestino diminuendone così il loro assorbimento.
Si rischia un'ulteriore perdita di calcio, in quanto vi è anche un'aumentata escrezione urinaria dovuta alle elevate dosi di zucchero presenti nella bevanda. Questo perchè l'organismo tende ad espellere tutto il glucosio con l'aumentare del tasso glicemico. Infine, si sospetta che la bevanda possa creare effetti di dipendenza, dubbio che la The Coca-Cola Company stessa non ha mai contribuito a sciogliere, avendo sempre mantenuto il riserbo sull'elenco degli ingredienti appellandosi al diritto di protezione del segreto industriale. Tra le motivazioni addotte dell'azienda, quella che gli ingredienti sono già per legge presenti in etichetta, anche se non è resa pubblica dal momento che la legge non lo richiede, l'esatta composizione delle sostanze aromatizzanti che vengono invece comprese sotto la generica indicazione di legge di "aromi naturali".


FAT and disFAcT
..preludio ai cibi spazzatura...
Società e cibi spazzatura
Uragano Junk Food
Diabete
Ipercolesterolemia
Che cos'è un "cibo
spazzatura
?
Wurstel
Alimento nato in Germania ed in Austria, ma meglio conosciuto negli States con il nome di Hot Dog, in pochi decenni è diventato piatto nazionale per moltissimi Stati europei e non solo.
In origine nati come insaccati di carne sminuzzata, una volta commercializzati la ricetta è stata modificata in modo da poter far largo uso di tutti gli scarti della produzione alimentare di origine animale. Risalta perfettamente il concetto di junk food.
Tra gli ingredienti principali dell'impasto troviamo: l'impasto di zoccoli, organi interni, pelle, cotenna, ossa, orecchie, coda, grasso, tendini e così via, ma anche sostanze chimiche utili alla conservazione, tra cui:
Nitriti e nitrati di sodio e di potassio: composti chimici utilizzati sia come conservanti che per per sterilizzare la carne dai microorganismi annidati nei cadaveri. La controindicazione spiacevole è il possibile insorgere del cancro allo stomaco o al fegato, causato dall'unione di questi con le amminegastriche dello stomaco, che darà vita alle nitrosammine, cancerogene.
Trifosfati: additivo chimico a base di fosforo. Ingrediente molto utilizzato in campo alimentare, sopratutto nelle bevande gassose come la Cola, come correttore di acidità. E' responsabile degli squilibri di calcio nell'organismo che aumenta il rischio di osteoporosi.
In se, l'uso del wurstel, non è tra i più dannosi per l'organismo se consumato moderatamente. Il danno sorge quando andiamo ad abbinarlo a pani confezionati e salse già pronte di bassa qualità. In tal caso dobbiamo essere consapevoli del fatto che stiamo ingerendo enormi quantità di trigliceridi saturi e colesterolo oltre che additivi chimici( coloranti, conservanti...).

Patatine Fritte
Le patatine o patatine fritte sono un alimento a base di patate tagliate a fette di forma allungata e fritte in vari modi nei diversi paesi. Per esempio in Belgio si usa il grasso bovino in una speciale friggitrice, ma in generale sono gli oli vegetali (soprattutto quello di arachidi che ha il punto di fumo più alto) i più diffusi. Le varietà in commercio sono impacchettate per la vendita, di solito in buste. Le patatine fritte sono uno snack molto importante nel mercato dei Paesi di lingua inglese.
Possono contenere una grande quantità di grassi saturi o oli di frittura. Alcuni ricercatori hanno suggerito che le alte temperature utilizzate per friggere tali cibi possano risultare nocive per la salute. Negli Stati Uniti circa ¼ dei vegetali consumati sono costituiti da patatine fritte e contribuiscono alla diffusione dell'obesità. Le patatine fritte cucinate con grassi di origine animale aggiungono grassi saturi alla dieta. La sostituzione di grassi animali con l'olio parzialmente idrogenato riduce il colesterolo, ma aggiunge grassi trans, che hanno dimostrato di aumentare il colesterolo LDL e di diminuire il colesterolo HDL.
Gli acidi grassi trans sono acidi grassi che insaturi che si trasformano in saturi tramite un processo di idrogenazione; durante questo processo il legame che unisce idrogeno e ossigeno s'inverte, rendendo l'acido grasso potenzialmente dannoso per l'organismo.
Le patatine fritte industriali di patata all'interno ne hanno ben poca, al massimo il 45 %. Tutto il resto sono amidi chimici, additivi, coloranti e esaltatori di sapore. Di conseguenza la quantità di amido naturale, vitamine e sali minerali è già ridotta. Il fatto che siano successivamente fritte fa calare ancora di più il vaore dei nutrienti. Infatti la frittura è un metodo invasivo di cottura che distrugge la maggior parte delle vitamine e dei sali minerali. Inoltre è molto pericolosa perchè durante il processo di frittura si può venire a creare "acrilamide", composto chimico nocivo perché ha proprietà cancerogene e genotossiche, in grado cioè di spezzare e di alterare la catena del DNA e dar luogo così a replicazioni cellulari tumorali.

3 Esempi Fondamentali
Queste tre tipologia di cibo sembrano per noi irrinunciabili, soprattutto con lo stile di vita su cui ormai ci siamo adagiati, ma sarebbe opportuno iniziare almeno a limitarli, per far si di non incorrere in patologie che con l'avanzare dell'età potrebbero presentarcisi per prendere possesso delle nostre vite.

C’è una relazione tra il cibo spazzatura e la dipendenza? Lo Scripps Research Institute di Jupiter in Florida (Usa) ha fatto un esperimento sui topi dimostrando come il cibo spazzatura venga recepito dall’organismo come una vera e propria droga. Il cibo spazzatura, sui topi, dà dipendenza, trasmette gratificazione e soddisfazione. La direttrice della Clinica di Medicina psicosomatica e di psicoterapia all’Hannover Medical School sostiene che: “la dipendenza, al massimo, può essere determinata da stati emotivi come la tristezza, il dolore, lo stress o la solitudine. Il piacere ottenuto dal cibo è pari a quello dell’alcool o del sesso per la risposta neuronale che arriva al cervello”.
La differenza tra il cibo spazzatura e la droga è data dal fatto che mangiando si arriva ad avere la sensazione di sazietà, cosa che manca quando si assumono droghe. In laboratorio è stato dimostrato come gli alimenti, ai quali sono stati aggiunti sali, zuccheri e grassi, vanno ad agire sui recettori della dopamina, proprio quello che accade quando si prendono droghe. In questo modo quindi si arriva alla dipendenza fisica, all’assuefazione, visto che l’assunzione di cibi grassi stimola i recettori dell’ormone. Nel caso che questi recettori non vengano più stimolati il corpo si sente privato di una sostanza e, di conseguenza, la richiede al proprio organismo, innescando il meccanismo della dipendenza.
Diventare dipendenti dai junk food non è poi così difficile: se si segue una dieta scorretta la dipendenza da questo genere di cibo può diventare una strada semplice ma dannosa. Si possono contrarre problemi cardiovascolari e di obesità, oltre a squilibri emotivi e psicologici. Con una dieta ricca di cibo spazzatura dunque non solo si ingrassa ma si è anche più inclini ad ammalarsi, alla depressione e alle dipendenze.
Dopamina: è una sostanza che trasmette stimoli al cervello e influisce sui campi del movimento, dell'umore, dell'attenzione.
La Dipendenza
Come farne a meno?
Bisogna essere abili e volenterosi per riuscira a contrastare quell'enorme voglia che ci spinge verso i cibi spazzatura. Ma bastano pochi passi per rimanere in salute concedendosi comunque piccoli piaceri quotidiani senza abusare di zuccheri o grassi saturi.
Si possono sostituire per esempio patatine fritte o pop corn industriali con altri fatti in casa o eventualmente con delle sfoglie di tofu tostate al forno.
Le bevande gassate posso essere eliminate con l'aiuto di spremute di frutta fresca fatte in casa o frullati leggeri e genuini.
Gli hamburger ricchi di salse e colesterolo dovrebbero essere cotti senza olio e magari essere abbinati a fettine di pane integrale e ad un' insalata mista.
I dolci confezionati e le merendine non dovrebbero essere assolutamente consumati, ma bisognerebbe lasciar spazio alla fantasia e alla voglia di prepararli noi stessi, con l'aiuto i ingredienti freschi e nessun conservante.
Per finire le caramelle possono essere sostituite con frutta secca, ricca di acidi grassi insaturi essenziali, o con le bacche di goji, che aiutano a fluidificare il sangue.
Tanti sono i modi per rinunciare ad alimenti oltremodo dannosi per la nostra salute. Non è una privazione per la vita, perchè il consumo sporadico non nuoce a all'organismo, ma è semplicemente la scelta di intraprendere un percorso all'insegna delle buone abitudini alimentari.
Fonti:

WEB: wikipedia, istituto della salute, siti web inerenti all'argomento, blog personali

Per i video: SUPER SIZE ME, film documentario scritto, interpretato e diretto da Morgan Spurlock

Programmi utilizzati: Prezi, Wordpad, Video Dub
Full transcript