Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

La storia della chitarra elettrica

Una breve spiegazione della nascita della chitarra elettrica.
by

francesco baldelli

on 7 March 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of La storia della chitarra elettrica

La storia della chitarra elettrica
Fine
"Ho sempre pensato che la gioia suprema della chitarra sta nel suo essere una voce, un veicolo per esprimere emozioni, per ogni bambino, di qualsiasi età, che la prende tra le mani. Siamo ancora tutti ragazzi con una chitarra in mano, e ha poco senso discutere su "chi è il migliore"... tutti noi ci esprimiamo in un modo che è in qualche misura definito dalla passione stessa dentro di noi. Allora che cos'è che trasforma un chitarrista in un eroe, in un guitar hero? Deve essere semplicemente l'emozione che suscita negli altri." -
Brian May
Thank you!
Strutturazione
La
chitarra elettrica
è formata dalle parti seguenti: la
paletta
, il
manico
, il
corpo
, il
ponte
ed i
pick-up
.
Origini
La storia della chitarra elettrica inizia quando si avvertì l'esigenza di uno strumento che avesse alcune caratteristiche proprie della chitarra ma che potesse suonare insieme agli altri senza esserne sovrastato dal volume di suono. Adolph Rickenbacker fu il primo a creare una chitarra lap steel, chiamata frying pan guitar, dotata di pickup.
Nei seguenti anni..
Molti si cimentarono nella costruzione di chitarre elettriche, limitandosi di fatto ad amplificare il suono di strumenti acustici. Se da una parte la presenza di una cassa armonica combinata ad un pick-up produceva un suono pastoso e ricco di armoniche, dall'altra presentava una serie di svantaggi, come l'emissione di echi, armonici e fischi, col risultato di un suono sgradevole.
Introduzione
La
chitarra
è uno strumento musicale cordofono, che viene suonato con i polpastrelli, con le unghie o con un plettro. I
principali
tipi di chitarre sono: la chitarra
classica
,
folk
,
elettrica
,
semi acustica.
La chitarra elettrica
è un tipo di chitarra in cui la vibrazione delle corde viene rilevata da uno o più pick-up. Il segnale viene quindi prelevato all'uscita e convogliato in un amplificatore acustico affinché il suono dello strumento sia reso udibile.
Descrizione delle varie parti: la paletta
la
paletta
: in questa parte ci sono le "meccaniche" (o chiavette), le quali permettono alle corde di raggiungere una determinata tensione e, di conseguenza, una determinata altezza.
Nel 1948 Leo Fender dà una svolta definitiva e crea la Broadcaster (o Telecaster), Il successo è enorme, tanto che la Broadcaster, divenuta poi Telecaster, viene prodotta dalla Fender ancor oggi.
La svolta
Caratteristiche della broadcaster
Questo modello è stato progettato con due pick-up single coil miscelabili e con il corpo pieno in legno massiccio che annulla completamente le risonanze indesiderate e aumenta il sustain delle corde, sviluppando il concetto di chitarra solid body. Il disegno del corpo e della paletta è sobrio e moderno, ma soprattutto più razionale. Inoltre lo strumento di Leo Fender presenta un vantaggio fondamentale: le fasi di costruzione e assemblaggio delle parti che compongono lo strumento sono molto semplificate. Questo si traduce nella possibilità di automatizzare il processo di produzione e di conseguenza produrre gli strumenti in serie, con costi notevolmente più contenuti.
Un altro successo
Nel 1953 Leo Fender crea la chitarra che diverrà nel tempo una pietra miliare del settore e più in generale della musica rock/blues: la
Stratocaster
. Assieme alla Gibson Les Paul è considerata la chitarra elettrica per antonomasia, per la sua popolarità e la sua diffusione, come per l'influenza esercitata sul panorama musicale e sull'immaginario collettivo. Nel corso del tempo sono stati tantissimi gli artisti ad aver imbracciato la
Strato
. Questa verrà prodotta ininterrottamente dal 1953, sarà molto apprezzata per la sua versatilità e non si utilizzerà intensivamente solo nel rock, ma anche in altri generi.
Solid body come la precedente, ha però un design più innovativo e capace di restare moderno nel corso dei decenni: il corpo, di minor spessore rispetto alla Telecaster, è smussato nella parte posteriore per conferire un migliore comfort. I pick-up, single coil, sono tre e sono montati su un originale battipenna sul quale sono alloggiati, oltre al selettore per scegliere il pick-up desiderato, anche tre potenziometri: uno per regolare il volume e due di regolazione tono. Altro fattore rivoluzionario per quel tempo è la leva del vibrato, che Fender chiama con termine improprio tremolo. Anche il ponte è innovativo: ogni corda appoggia su una sua "selletta" che dispone sia della regolazione in altezza sia in lunghezza, permettendo un'intonazione perfetta e una distanza delle corde dalla tastiera (action), personalizzabile.
Caratteristiche principali
Una grande rivale
L'unica chitarra che ha potuto "competere" in termini di importanza e notorietà è la
Gibson Les Paul
, che debuttò nel 1952 come la risposta di Gibson, che a tal fine aveva assunto Les Paul nel suo team di progettazione, alla Fender Telecaster. La Les Paul ha forme molto fluide e poco spigolose. Caratteristica saliente è l'uso di due pick-up
"humbucker"
, più potenti dei single coil e dalla timbrica più "nasale". Le regolazioni di tono e volume sono affidate a due coppie di potenziometri e ad un selettore per miscelare il suono dei due pick-up. Il ponte non ha la leva del vibrato; la regolazione dell' action delle corde avviene con due ghiere poste ai lati che sollevano o abbassano tutte e sei le corde contemporaneamente. L'intonazione invece può essere regolata singolarmente corda per corda.
Il manico
il
manico:
qui è montata la tastiera i cui tasti sono generalmente posizionati secondo il temperamento equabile, che solitamente permettono un intervallo minimo possibile di un semitono. Negli strumenti fretless (meno diffusi fra le chitarre), sprovvisti dei tasti in metallo, la corda entra in contatto direttamente con il materiale della tastiera;
Il corpo
il
corpo
: le più diffuse chitarre elettriche, le solid body, letteralmente "corpo solido" (nel significato inglese di "massiccio"), non hanno una cassa di risonanza, ma un corpo di legno pieno (o, più raramente, di altri materiali). La forma del corpo, il legno con cui è realizzato e il tipo di pick-up usato sono determinanti ai fini della resa sonora dello strumento. Il pick-up è un dispositivo elettrico in grado di trasformare le vibrazioni delle corde di uno strumento musicale cordofono in impulsi di tipo elettrico.
Lo strumento è rimasto sostanzialmente immutato rispetto alle intuizioni di Leo Fender e Les Paul. I cambiamenti sono stati pochi e riguardanti soprattutto l'aspetto visivo. I maggiori produttori di chitarre elettriche sono
Fender
e la sua concorrente
Gibson
ma anche molti altri marchi sono presenti nel mercato, come: la
ESP
, la giapponese
Ibanez,
e la
Dean Guitar.
Ultimi decenni
Full transcript