Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Untitled Prezi

No description
by

Linda Longhi

on 27 June 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Untitled Prezi

La RETORICA
Arte della seduzione
“Quando l’espressione elaborata, comprensibile a pochi, è usata rivolgendosi a molti, la retorica è già diventata strumento di oppressione.
LISIA
Siracusa, prima metà del V secolo a.C.: Corace e il suo allievo Tisia, scrissero i primi <<manuali teorico-pratici di arte oratoria>>
introducono per primi il concetto di <<verosimglianza>> e quello di <<verità>>
l'oratoria giudiziaria
L’Apologia per l’uccisione di Eratostene
L'<<apologia>> si presenta come un discorso di parte, la cui istanza non è logica, ma persuasiva.
La tecnica argomentativa:
1. L’elemento dell’eikòs
2. La mancata azione avversaria
3. La generalizzazione
4. La riserva di credibilità
5. Argomentazione extra causam
6. L’antitesi
7. Il ragionamento entimematico
Il testo: la dimostrazione per assurdo
Aristotele e la classificazione dei generi:
“Della retorica i generi sono in numero di tre: altrettanti infatti sono anche i tipi di ascoltatori dei discorsi. Il discorso è costituito a sua volta da tre elementi: da colui che parla, da ciò di cui si parla e da colui a cui si parla; e il fine è rivolto a quest’ultimo, all’ascoltatore. [...] cosicché necessariamente vi saranno tre generi della retorica: il deliberativo, il giudiziario, l’epidittico.”
una nuova figura d'intellettuale:
la propaganda come base dell'opinione pubblica
Il ruolo di Mecenate


Crea una cerchia di letterati;

Organizza il consenso al principato;

Distoglie gli intellettuali dal disimpegno politico;
Cicerone
“30.In verità, non c’è niente per me di più bello del potere con la parola dominare gli animi degli uomini [...] io affermo che dalla saggia direzione di un perfetto oratore dipendono non solo il buon nome dell’oratore stesso, ma anche la salvezza di moltissimi cittadini e dell’intera Nazione.
traduzione a cura di G. Norcio
“Due sono i modi di combattere, l’uno per via di discussione, l’altro con la forza, e il primo è proprio dell’uomo, il secondo delle bestie; bisogna ricorrere a questo se non è possibile usare il primo.”
traduzione a cura di A. R. Barrile
“Perciò continua senza sosta a percorrere la via che ti sei posto, la supremazia dell'eloquenza [...] essi temeranno, oltre alla tua solerzia al tua prestigio e al vigore della tua parola, certamente anche l'attaccamento a te dell'ordine equestre” traduzionea cura di P. Fedeli
Ara Pacis
Orazio
"Il Carmen Saeculare"
Quintiliano
L'Institutio oratoria
Tacito
Il discorso di Càlgaco
GABRIELE D'ANNUNZIO
IL POETA <VATE>
il FASCISMO
L'ORATORIA MUSSOLINIANA
George Orwell
"1984"
la RETORICA della pubblicità
Temi dell'opera:
corruzione dell'eloquenza
retorica
opera di restaurazione della scuola
degradazione morale
LIBRO XII: l'intellettuale e il potere
accettazione, non incondizionata, del volere del sovrano;
Il discorso è una SUASORIA: Càlgaco, generale caledone, esorta i suoi prima della battaglia contro i Romani, attraverso una grande tecnica oratoria.
“Rubare, massacrare, rapinare, lo chiamano con falsi nomi impero, e là dove fanno il deserto lo chiamano pace”
figure retoriche
anafora
climax
chiasmo
Non Oriens, non Occidens;
Cotidie emit, cotidie pascit;
Nulla iam ultra gens, nihil nisi fluctus ac saxa, et infestiores romani;
defuere terrae, mare scrutantur;
“La prima è un periodare compiuto, non lascia mai una frase in tronco. La seconda, una sequenza di definizioni morali, pittoresche e incisive che restano facilmente nella memoria. … Terza qualità, l’affermazione continua, perentoria, riposante, dove i più si adagino con fiducia: niente nebbia, niente grigi, tutto il mondo ridotto a bianco e nero. I dubbi se li tiene per sé.
Ugo Ojetti
"Don't you see that the whole aim of Newspeak is to range your thought?
-Metonimia
-Metafora
sitografia
http://www.nuovoeutile.it/pdf/Pubblicita_propaganda.pdf
http://it.wikipedia.org/wiki
http://www.edu.lascuola.it/
http://online.scuola.zanichelli.it
http://www.loescher.it
http://www.mondadorieducation.it/
www.sparknotes.com/lit/1984/‎
http://www.agoravox.it/La-societa-dell-immagine-un.html
“Corso integrato di Letteratura Greca” di L.E. Rossi, R. Nicolai, Volume 2 “L’età classica”- Volume 3 “L’età ellenistica e imperiale romana”;
“Orazione prima: Per l’uccisione di Eratostene”, a cura di L. Del Santo, Principato editore.
“Documenta humanitatis. Autori, generi e temi della letteratura latina.” di A. Roncoroni, R. Gazich, E. Marinoni. Volumi 3a – 3b.
“1984”, George Orwell, traduzione a cura di Manferlotti S., edito Mondadori, Oscar classici moderni, Febbraio 2002.
Luigi Enrico Rossi, Roberto Nicolai, "Corso integrato di letteratura greca", L.Monnier.
Angelo Roncoroni, Roberto Gazich, Elio Marinoni, Elena Sada, "Documenta Humanitatis 3", Carlo Signorelli Editore.
Graeme Thompson, Silvia Maglioni "New Literary Links - From the Victorian Age to Contemporary Times", Black Cat.
Guido Baldi, Silvia Giusso, Mario Razzetti, Giuseppe Zaccaria, "La letteratura- volume 5: la Scapigliatura, il Verismo e il Decadentismo".
Valerio Castronovo, "Un mondo al plurale 3A- Dalla fine dell'Ottocento alla seconda guerra mondiale", La Nuova Italia.
Umberto Eco, “Il costume di casa:Evidenze e misteri dell'ideologia italiana”, Edito Bompiani, 1973.
“Dizionario di citazioni: Frasi famose, aforismi, sentenze, massime di autori italiani e stranieri, antichi e moderni.” A cura di Elena Spagnol, Edito Feltrinelli, 1971.
Enzo Golino, “Parola di Duce. Il linguaggio totalitario del Fascismo e del Nazismo: come si manipola una nazione.” Prima edizione Rizzoli, Milano 1994, seconda edizione BUR saggi, Milano settembre 2010.
Giacomo Devoto, Gian Carlo Oli, “Dizionario della lingua italiana Devoto-Oli”, Edito Le Monnier 2009.
Bibliografia
Corace e Tisia
U. Eco, "Il costume di casa: evidenze e misteri dell'ideologia italiana", Bompiani editore, 1973.
"Per poter essere forte, diventa un artista della parola; perchè la forza dell'uomo è nella lingua, e la parola è più potente di ogni arma." Ptahhopte
"Dizionario delle citazioni: Frasi famose, aforismi, sentenze, massime di autori italiani e stranieri, antichi e moderni." A cura di E. Spagnoli, Feltrinelli, 1971
"LA RETORICA"
Aristotele, "La retorica", Oscar classici latini e greci, Mondadori, aprile 1996. (1358a 36 - 1358b 8; trad. di A. Plebe)
"30.Neque vero mihi quicquam" inquit "praestabilius videtur, quam posse dicendo tenere hominum [coetus] mentis [...] sic enim statuo, perfecti oratoris moderatione et sapientia non solum ipsius dignitatem sed et privatorum plurimorum et universae rei publicae salutem maxime contineri."
Cicerone, De oratore, I 30-34
Cicerone, De officiis, I 34-36
"Nam cum sint duo genera decertandi unum per disceptationem alterum per vim cumque illud proprium sit hominis hoc beluarum confugiendum est ad posterius si uti non licet superiore."
Commentariolum Petitionis, XIV 55
"Qua re etiam atque etiam perge tenere istam viam quam insitisti, excelle dicendo; [...] cum diligentiam tuam, cum auctoritatem vimque dicendi, tum profecto equestris ordinis erga te studium pertimescent."
Parola di duce: come si manipola una nazione
il '900
la RADIO
il CINEMA
Augusto e il consenso
Mussolini e D'Annunzio, Riviera del Garda, Italia, 1925
 “1984”, George Orwell, Mondadori, Oscar classici moderni, Febbraio 2002.
Il Discorso di Quarto
D'annunzio dopo il discorso di Quarto, 5 maggio 1915
"Italiani d'ogni generazione e d' ogni confessione, nati dell'unica madre, gente nostra, sangue nostro, fratelli;”
“Voluto aveva il duce […]E lo spirito di sacrificio, che è il suo spirito stesso, che è lo spirito di colui il quale tutto diede e nulla ebbe, domani griderà sul tumulto del sacro incendio: "Tutto ciò che siete, tutto ciò che avete, e voi datelo alla fiammeggiante Italia!”
Full transcript