Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

LA COSTITUZIONE ITALIANA

No description
by

Felicita Morelloni

on 15 June 2014

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of LA COSTITUZIONE ITALIANA

LA COSTITUZIONE ITALIANA
“Ora la Costituzione è al di sopra delle sue discussioni. Noi dobbiamo ad essa obbedienza assoluta, perché io non so concepire nessuna democrazia e nessuna libertà se non sotto forma di obbedienza alle leggi che un popolo si è dato”
(E. De Nicola, ultimo discorso all’Assemblea Costituente”, 22 dicembre 1947)
CHE COS’E' LA COSTITUZIONE?
È la legge fondamentale delle nostra Repubblica

È l’insieme di regole, di norme
che stabiliscono i diritti e i doveri fondamentali e irrinunciabili di ogni cittadino e quali sono le istituzioni dello Stato e come funzionano
È la principale fonte di
diritto: non può essere
promulgata nessuna legge
che sia in contrasto con
quanto stabilito da essa
COM'E' NATA?
2 giugno 1946
con un referendum gli Italiani furono chiamati a scegliere tra Monarchia e Repubblica

Prime elezoni a suffragio universale maschile e femminile

Eletta l’Assemblea Costituente
Enrico De Nicola capo dello Stato provvisorio

1 gennaio 1948

entra in vigore la prima Carta Costituzonale
CARATTERISTICHE

È una costituzione scritta
È una costituzione lunga che regola

Il funzionamento degli organi dello Stato

I rapporti fra Stato, enti locali
(Regioni, Province, Comuni) e cittadini

È una costituzione rigida e non flessibile

Per evitare che il testo costituzionale, depositario di valori fondanti per la vita dello Stato e dei cittadini, possa essere modificato

È una costituzione deliberata, cioè

Scritta e votata da un’Assemblea Costituente


COMPOSTA DA:

139 articoli

18 disposizioni transitorie
e finali

A loro volta
suddivisi in:
Principi fondamentali (art. 1-12):

regole e valori su cui si fonda
il sistema politico e sociale italiano
Parte I. Diritti e doveri dei cittadini (art. 13-54):


principi attraverso cui si regolano i rapporti economici, politici, civili, etico-sociali
Parte II. Ordinamento dello
Stato Italiano (art. 55-139):

compiti e funzionamento degli organi
dello Stato e di Regioni, Province e Comuni
Disposizioni transitorie e finali
I DIRITTI E LE LIBERTA' FONDAMENTALI

DIRITTO ALL'INTEGRITA' FISICA
E ALLA PERSONA

Sottinteso all’art.2
“La Repubblica riconosce e
garantisce i diritti inviolabili
dell’uomo"

LIBERTA' DI ESPRESSIONE
DEL PENSIERO


“Tutti hanno diritto di manifestare
liberamente il proprio pensiero con la parola,
lo scritto e ogni altro mezzo d diffusione
” (art.21)

"Senza tale libertà nessun cittadino potrebbe svolgere le proprie attività e le proprie funzioni e non potrebbe “concorrere al progresso materiale e spirituale della società” (art. 4)

Il pensiero può essere manifestato attraverso:

La parola
La stampa
Il cinema
Il teatro
La televisione
Internet
Ogni altro mezzo di diffusione

LIBERTA’ DI FEDE RELIGIOSA
“Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume” (art. 19)
La libertà religiosa è garantita dall’articolo 19 che riconosce e
assicura a tutti:

Piena libertà di professione di qualsiasi religione

L’uguaglianza formale e sostanziale di tutti gli individui, cittadini e stranieri indipendentemente dal credo religioso professato

Le persone non possono essere discriminate in base a differenze religiose
o Lo Stato garantisce uguale libertà a tutte le confessioni religiose

DIRITTO ALLA SALUTE
“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti
dal rispetto della persona umana” (art. 32)
È uno dei diritti “sociali” espressi dalla Costituzione (insieme a lavoro e istruzione)

Lo Stato si impegna a eliminare le malattie e le loro cause (es. riducendo l’inquinamento ambientale, favorendo l’igiene, stimolando stili di vita salutari nella popolazione)

Creazione del Servizio Sanitario Nazionale che assicura a tutti i cittadini visite e cure necessarie

DIRITTO ALL'ISTRUZIONE
“L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento. La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi” (art. 33)

“La scuola è aperta a tutti. […] i capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi” (art.34)


L’istruzione va considerata un valore fondamentale in quanto:

Il progresso della collettività e di una nazione è strettamente legato al suo livello di cultura

Permette di garantire la qualità della democrazia

È, oltre che diritto, anche dovere in quanto, con essa, ogni cittadino può “concorrere al progresso materiale e spirituale della società”

Il diritto all’istruzione è stato dichiarato nel 1948 dalla “Dichiarazione dei diritti dell’uomo” e
ribadito dalla Convenzione internazionale per i diritti dell’infanzia nel 1989

“Il fanciullo ha diritto a un’educazione che, almeno a livello elementare deve essere gratuita e obbligatoria. Egli ha diritto a godere di un’educazione che contribuisca alla sua cultura generale e gli consenta, in una situazione di uguaglianza e di possibilità, di sviluppare le sue facoltà, il suo giudizio personale e il suo senso di responsabilità morale e sociale, e di divenire un membro utile alla società”
Persiste in Italia una forte percentuale di ABBANDONO SCOLASTICO:

Motivazioni economiche (indigenza)

Spaesamento nell’ambiente scolastico

Mancanza di motivazione allo studio

1848: Statuto Albertino
concesso dal re Carlo Alberto di Savoia e differente dall’attuale Costituione in quanto:

Concessione del Sovrano per limitare il proprio potere assoluto

Modificabile da un’altra legge del Parlamento o del Governo (epoca fascista)

Rigidità = immodificabilità?

La Costituzione può essere modificata, ma
solo dopo un’attenta valutazione dei motivi e degli scopi del cambiamento e seguendo la procedura fissata nell’articolo 138.
Alcune parti però non possono essere modificate: quelle dedicate ai diritti
inviolabili dell’uomo (art. 2)

Referendum:
istituto giuridico attraverso il quale i cittadini sono chiamati a scegliere tra due possibili soluzioni riguardanti l’argomento del referendum stesso
Monarchia:
forma di ................. i cui poteri sono accentrati
in ......................... che non viene ...................., e che trasmette
la corona ai propri discendenti.

Repubblica:
forma di governo nella quale la .........................
appartiene ai ......................... che la esercitano direttamente o
per mezzo di .......................... liberamente scelti


RIPASSIAMO.....

Inserisci le parole corrette
In Italia sono stati indetti importanti referendum: ne ricordi qualcuno?
Conosci qualcuno che abbia vissuto in prima persona i momenti della nascita della Costituzione Italiana?
Se sì, prova a farti raccontare il clima politico e sociale che ha accompagnato questo importante evento.
Da chi viene eletto il Presidente della Repubblica?

Ricordi il nome dell'attuale Presidente della Repubblica e l'anno della sua elezione?
Perché è importante secondo te che una Costituzione sia scritta e non trasmessa solo oralmente?
Come studente la frequenza scolastica la vivi più come un diritto o come un dovere?
Full transcript