Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

CHEN- 3E - LA CRISI DEI SECOLI XIV E XV

No description
by

Rosalina Chen

on 28 May 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of CHEN- 3E - LA CRISI DEI SECOLI XIV E XV

LA CRISI DEL
XIV E XV sec. SOVRAPPOPOLMENTO E MESSA A COLTURA DI TERRENI POVERI MUTAMENTO CLIMATICO
-INVERNI PIU' FREDDI
-MAGGIORE PIOVOSITA' CATTIVI RACCOLTI
(1310-1346) IN EUROPA

-CRISI AGRICOLA
-CARESTIE
-EPIDEMIE (PESTE 1347)
-INFLAZIONE
-FALLIMENTI BANCARI (FIRENZE, LUCCA, SIENA 1300-1350) CONFLITTI TRA FEUDALITA' CONCORRENTI CONFLITTUALITA' SOCIALE
(1350-1390) CRISI E RISTRUTTURAZIONE COMMERCI E MANIFATTURE

-VENEZIA
-GENOVA
-FIRENZE CROLLO IMPERO MONGOLO
1368 GUERRA DEI CENTO ANNI (1337-1453) SOLLEVAMENTO BORGHESE E CONTADINO
-PARIGI (1357-1358)


RIVOLTE URBANE E CONTADINE 1378-81
-FRANCIA
-PAESI BASSI
-INGHILTERRA
-FIRENZE (CIOMPI) Una breve panoramica sulla peste dalla illustre rivista NATURE e un documentario girato dalla HISTORY CHANNEL INTERRUZIONE VIE DI
COMMERCIO
CENTRO
ASIATICHE La minoranza mongola rimanente dovette fronteggiare i conflitti lungo le principali vie centro-asiatiche. Nel 1368 la dinastia mongola fu rovesciata dalla dinastia cinese dei Ming.

L'ulteriore frazionamento del territorio, cominciato già da prima, rese le vie di commercio meno sicure. La crisi della via centro-asiatica del commercio non diperse soltato dalla riscossa cinese. I mongoli dell'Ilkhanato che includeva l'Iraq e la Persia vennero assorbiti dalla cultura iraniana, si erano convertiti all' Islamismo. Non riuscendo a dominare, i mongoli furono assorbiti dalle popolazioni turcomanne. Di conseguenza il fulcro del commercio fu spostato lungo la costa del mar Rosso. CONSEGUENZE DEL SOVRAPOPOLAMENTO

La società feudale europea raggiunse nei 100 anni fra il 1150 e il 1250 i massimi livelli del suo sviluppo, sia economico che demografico.

Questo fermento sociale significava maggiore necessità di terreni da coltivare.

Per questo motivo si cominciò a mettere a coltivazione i terreni marginali che però necessitavano di tecnologie avanzate e maggiore manodopera. I terreni marginali erano meno fertili e la loro resa era ridotta, assicurando pertanto un raccolto più scarso e quindi meno scorte. Inoltre in origine questi terreni erano spesso adibiti al pascolo.

Coltivare questi terreni significava limitare lo spazio al pascolo e quindi produrre meno concime da destinare alle terre fertili. Si nota il calo demografico anche prima della peste del 1347 La peste si manifesta in .. modi differenti. PESTE BUBBONICA
è il tipo di peste più comune e si manifesta in seguito alla puntura di pulci infette o per contatto diretto tra materiale infetto e lesioni della pelle.
Manifestazione tipica di questa forma è lo sviluppo di bubboni, ingrossamenti infiammati delle ghiandole linfatiche, seguiti da febbre, mal di testa, brividi e debolezza. PESTE POMONARE
il batterio infetta i polmoni. Questa forma della malattia può trasmettersi da persona a persona attraverso l’aria di persone infette e quindi costituisce una delle forme più pericolose.
Può derivare anche dalla degenerazione delle altre forme se non sono curate prontamente. PESTE SETTICEMICA
deriva dalla moltiplicazione del batterio nel sangue. Viene contratta per le stesse cause di quella bubbonica, e non si trasmette da persona a persona. Causa febbre, brividi, dolori addominali, shock e prostrazione, ma senza bubboni. PANORAMICA SULLA SITUAZIONE MANUFATTURIERA
La crisi che caratterizza questo periodo storico porta a uno sconvolgimento degli equilibri socio-economico.

A causa della peste emerse una nuova classe borghese agiata, che con le sue richieste modificò radicalmente il mercato e con esso il settore manufatturiero. COSENGUENZE DELLA RIORGANIZZAZIONE MANIFATTURIERA

- Spostamento della produzione dalla città alla campagna.

- Aumento della qualità rispetto alla quantità del prodotto.

- Mutamento degli equilibri economici europei. Per meglio rispondere alle nuove esigenze del mercato e al contempo mantenere un margine di guardagno i centri di produzione vengono delocalizzati nelle campagne per usufruire di:

- manodopera a basso costo
- libertà decisionale rispetto ai regolamenti corporativi La principale conseguenza della peste fu quella di concentrare il potere di acquisto nelle mani dei sopravvissuti all'epidemia.

Come principale effetto della diminuzione demografica dovuta alla peste si osserva un esponenziale aumento dei salari che crea una domanda di mercato di prodotti di maggiore qualità.

Si assiste quindi ad un continuo rinnovamento di una classe di acquirenti di beni di lusso. La ristrutturazione delle manifatture del XV sec. Fallimento di importanti banche italiane quali

- Bardi e Peruzzi (1342-46)
- Scali (1326) Ereditò la corona francese Ducato della Guienna o Guascogna Le Fiandre Come nasce il conflitto ?

Quando un vassallo mancava ai rapporti di fedeltà veniva dichiarato “fellone” e il feudo veniva requisito ARRICCHIMENTO DEL RE

La guerra dei cent'anni va vista come un momento fondamentale. Il sistema feudale va piano piano sgretolandosi, comincia ad affermarsi il concetto di STATO NAZIONALE
Numericamente e strategicamente la cavalleria (caposaldo del feudalesimo) contava di meno delle milizie di origine contadina e cittadina, quindi
- DECADENZA DELLA FUNZIONE MILITARE DELLA NOBILTÁ

Gli arcieri costituivano un reparto specializzato che basava il proprio combattimento su valori opposti a quelli dei cavalieri, quindi
- DECADENZA DELLA FUNZIONE MORALE DELLA NOBILTÁ

L'esercito era in gran parte mercenario, dipendeva di meno dall'assolvimento degli obblighi feudali
- DECADENZA DEI RAPPORTI FEUDALI DI FEDELTÁ
FRANCESI OGNI GUERRA PORTA CON SE CAMBIAMENTI Nel Medioevo la strategia di battaglia più comune era la carica dei cavalieri.
La guerra dei cent'anni è caratterizzata da periodi di pace e battaglia. Duratura perchè gli eserciti non riescono a dominare gli avversari definitivamente. Nacquerò così nuove strategie di combattimento e innovazioni. LEGGE SALICA : era esclusa la discendenza per via femminile, considerata incompatibile con le funzioni sacerdotali e di sacra funzione attribuite al re Era uno dei maggiori poli di sviluppo urbano e manifatturiero dell'Europa INGLESI
Introdussero la figura dell'ARCIERE.
Equipaggiarono i fanti con un nuovo tipo di arco (a lunga gittata). FRANCESI
Selezione razze equine più robuste e corazze più spesse e pesant (maggiore resistenza ma lento le manovre di combattimento). SCENE DI BATAGLIA MEDIEVALE PRIMA della guerra dei cent'anni per il re lo Stato era - un MOSAICO di entità (ducati, contee, feudi minori, signorie ecclesiastiche, città) - il re era al vertice di una CATENA DI RAPPORTI DI FEDELTÁ con i propri vassalli e feudatari DOPO la guerra dei Cento Anni
- Il re non riconosce nessun potere indipendente e possiede nei confronti dei feudatari un potere molto superiore Il feudalesimo entra in crisi, ma continuò a lungo ad essere una realtà solida, difficile da cancellare. FRANCIA VS INGHILTERRA Formalmente soggetta ad un feudatario francese, ma economicamente legata all'Inghilterra. IL MONDO RURALE DEL XIV-XV sec.
A causa della crisi l'Europa vive un forte spopolamento di terre e villaggi.
La scarsità di uomini porta anche ad un ritorno alla palude per la mancanza di bonifica costante. EUROPA SETTENTRIONALE
La crisi demografica causa una diminuzione della domanda del grano e quindi una diminuzione dei prezzi. Questo cambiamento porta ad una coltivazione differente di piante come il luppolo, piante tintorie, lino e canapa. Di conseguenza si forma una struttura manifatturiera strettamente collegata ad esse. EUROPA MEDITERRANEA
L'evoluzione della crisi portò ad una maggiore diffusione dell'allevamento, che causò un grave deterioramento dei suoli e un'espansione di paludi e pianure malariche.

Si nota inoltre un ritorno alle forme più involutive della dipendenza contadina, con un vero e proprio processo di rifeudalizzazione EUROPA MERIDIONALE
Si instaurano dei rapporti servili che determinano uno sviluppo del feudalesimo; è in questo periodo che vediamo comparire corvée pesantissime imposte ai contadini.
Questa presa di potere da parte dei feudatari, provocò rivolte contadine. ITALIA
- Italia centrosettentrinale:
Tende ad affermarsi l'habitat sparso (piccolo villaggio o case coloniche isolate);

- Italia padana:
Massicci investimenti urbani e opere di canalizzazione costituiscono la risposta moderna dell'Italia padana alla crisi;

- Italia meridionale:
Latifondo con grossi villaggi contadini; SPAGNA
Allevamento delle pecore dal XIII secolo nell'altopiano arido della castiglia; formazione della Mesta, associazione di grandi e piccoli allevatori. Rapida degradazione del suolo che portò conflitti con i contadini i quali però furono vinti perché gli allevatori godevano dell'appoggio del re.
Quest ultimo traeva dalle attività della Mesta una buona parte delle sue disponibilità finanziarie. C
R
I
S
I PERICOLO OPPORTUNITA'
Full transcript