The Internet belongs to everyone. Let’s keep it that way.

Protect Net Neutrality
Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Il sistema solare

No description
by

alessandra meneghetti

on 21 May 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Il sistema solare

Marte
Il sistema solare
Il sistema solare è un sistema planetario costituito da corpi celesti tenuti in orbita dall' attrazione gravitazionale del Sole.
E' costituito da otto pianeti:
-Mercurio
-Venere
-Terra
-Marte
-Giove
-Saturno
-Urano
-Nettuno
Ci sono 4 pianeti interni, detti rocciosi, e 4 esterni, detti gassosi.
Pianeti nani
Un pianeta nano è un corpo celeste orbitante attorno a una stella e caratterizzato da una massa sufficiente a conferirgli una forma sferoidale, ma che non è stato in grado di "ripulire" la propria fascia orbitale da altri oggetti di dimensioni confrontabili: per questo non rientra nella semplice denominazione di pianeta, Plutone è considerato un pianeta nano.

Comete
Le comete sono corpi minori del sistema solare, di pochi chilometri di diametro, e sono composte in gran parte di ghiaccio volatile. Quando una cometa entra nel sistema solare interno, la superficie ghiacciata comincia a sublimare, per via della vicinanza del Sole, fino a quando si crea una coda, spesso visibile a occhio nudo, di gas e polveri.
Le comete di breve periodo completano la propria orbita in circa 200 anni, quelle di lungo periodo impiegano migliaia di anni.
Origine del sistema solare
Una delle teorie dell'origine del sistema solare è la teoria nebulare: ipotizza che il sistema solare ha avuto origine da una nebulosa rotante e in contrazione, la nebulosa presolare, dalla quale per effetto della forza centrifuga si sarebbero staccati degli anelli che avrebbero poi formato per condensazione pianeti e satelliti.
Il sistema solare
I moti della Terra
I moti principali della terra sono tre:
Il moto di rotazione. La terra ruota intorno al suo asse
Il moto di rivoluzione. E' il movimento della terra attorno al Sole
Il movimento galattico. Il movimento che compie la Via Lattea, la galassia in cui è situata la terra.
Mercurio
GIOVE
Il Sole
Il sole è la stella del sistema solare.
E' una stella di media dimensione, ha un diametro di circa 1.400.000 km.
E' composto da idrogeno e elio, produce energia grazie a reazioni nucleari che trasformano l' idrogeno in elio.

Asteroidi
Plutone
Plutone è un pianeta nano orbitante nelle regioni periferiche del sistema solare.Plutone è il secondo più massiccio pianeta nano del sistema solare, dopo Eris, e il decimo corpo celeste più massiccio che orbita direttamente attorno al Sole.Fu scoperto nel 1930 da Clyde Tombaugh e inizialmente classificato come il nono pianeta.
Terra
La Terra è il terzo pianeta in ordine di distanza dal Sole è il più grande dei pianeti terrestri del sistema solare.È il pianeta su cui vivono tutte le specie viventi conosciute, l'unico corpo planetario del sistema solare adatto a sostenere la vita come la conosciamo. La formazione della Terra è datata a circa 4,54 miliardi di anni fa.
Urano
Nettuno è l'ottavo pianeta del sistema solare, e la sua scoperta avvenne nel 1846 da due matematici: l’inglese Johm Adams e il francese Urbain Le Verrier. La sua distanza dal Sole è approssimativamente di 4.495 milioni di km. Si sa poco della sua composizione ed è invisibile a occhio nudo. Al telescopio appare bianco tendente al celeste-verdino. È stato raggiunto da una sonda, il Voyager 2, che nel 1989 inviò sulla Terra le sue prime immagini, rivelando che è il pianeta più ventoso del sistema solare. Ha cinque anelli e sei lune, come dimensioni e struttura e’ simile a Urano ed è un miscuglio di ghiacci, acqua, ammoniaca e metano. Nella parte centrale c’è un piccolo nucleo di roccia e, forse, ghiaccio.
Saturno
Venere
Asteroidi
Luna
La luna è un satellite naturale della terra, compie il suo moto di rivoluzione e rotazione nello stesso tempo, 28 giorni, per questo vediamo sempre la stessa faccia. La superfice lunare è ricoperta di crateri, creati dagli asteroidi che impattano su di essa.
Maree
Le maree sono periodi di innalzamento e abbassamento del livello del mare, percepibili lungo le coste.
Il fenomeno è dovuto principalmente all'attrazione gravitazionale della Luna.
La massa d'acqua che ricopre la Terra viene attratta e sollevata verso la Luna, ma contemporaneamente anche dalla parte opposta l'acqua si solleva a causa della forza centrifuga del sistema Terra-Luna, ruotante intorno al Sole
NETTUNO
Giove è il quinto pianeta del sistema solare. Con il diametro di 142 984 km è il pianeta più grande del sistema solare. Giove è denominato Gigante Gassoso come Saturno, Urano e Nettuno. Giove è composto principalmete da idrogeno ed elio e da composti minori fra cui acqua, metano ed ammoniaca. Nonostante la sua massa gassosa il suo nucleo è solido costituito da carbonio e silicati di ferro.A causa delle sue dimensioni e della composizione simile a quella solare, Giove è stato considerato per lungo tempo una stella fallita. Giove ha numerosi satelliti (Europa, Io...). Giove grazie al suo campo gravitazionale ripulisce il sistema solare dagli asteroidi provenienti da fuori del sistema solare riunendoli in una fascia di asteroidi.
L'OCCHIO DI GIOVE
L'occhio di Giove è una nube del diametro di circa 3 volte la terra.
Nel 1878 divenne piuttosto appariscente, di un colore rosso mattone, tanto che un mediocre telescopio poteva scorgerla facilmente, mentre negli anni '50 scomparve quasi completamente, per poi tornare a colorarsi di un rosa vivace nel 1961, colore che ha mantenuto fino ad oggi.
Giove ha un moto di rotazione di 9 ore e 55 minuti
mentre quello di rivoluzione è di circa 11 anni terrestri.
Curiosità
Sino ad oggi l'unica sonda progettata appositamente per lo studio del pianeta è stata la Galileo, che entrò in orbita attorno a Giove il 7 dicembre del 1995 e vi permase per oltre 7 anni, compiendo sorvoli ravvicinati di tutti i satelliti galileiani e di Amaltea. Nel 1994, mentre giungeva verso il pianeta gigante, la sonda ha assistito all'impatto della cometa Shoemaker-Levy 9, riprendendo diverse immagini dell'evento.
L'asse di rotazione di Urano
Una delle caratteristiche più insolite del pianeta è l'orientamento del suo asse di rotazione. Tutti gli altri pianeti hanno il proprio asse quasi perpendicolare al piano dell'orbita, mentre quello di Urano è quasi parallelo. Il periodo della sua rivoluzione attorno al Sole è di circa 84 anni terrestri e quindi ogni 42 anni cambia il polo esposto alla nostra stella.
Urano è il settimo pianeta del sistema solare in ordine di distanza dal Sole, il terzo per diametro e il quarto per massa. Sebbene sia visibile anche ad occhio nudo, come gli altri cinque pianeti noti fin dall'antichità, non fu mai riconosciuto come tale a causa della sua bassa luminosità e della sua orbita particolarmente lenta; venne scoperto infatti soltanto il 13 marzo 1781 da William Herschel, diventando così il primo pianeta ad essere scoperto tramite un telescopio. Urano ha una superficie per la maggior parte gassosa, ricoperta solo negli strati più esterni da una scorza semifluida mentre al suo interno è composto da rocce e ghiaccio. L'atmosfera del pianeta, sebbene sia simile a quella di Giove e Saturno per la presenza abbondante di idrogeno ed elio, contiene una proporzione elevata di "ghiacci", come l'acqua, l'ammoniaca e il metano, assieme a tracce di idrocarburi. Urano ha 10 anelli, 5 scoperti nel 1977 da parte del pianeta di una stella che , al passaggio di ogni anello, veniva temporaneamente oscurata, questo metodo viene detto metodo dell occultazione con il quale vennero scoperti successivamente nel 1978 altri 4 anelli e l'ultimo è stato scoperto dalla sonda Voyager nel 1986. Tutti questi anelli sono fatti di polvere e frammenti solidi, e sono molto distanziati tra loro.
FOBOS
Saturno è il sesto pianeta del Sistema solare in ordine di distanza dal Sole ed il secondo pianeta più massiccio dopo Giove. Saturno con Giove,Urano e Nettuno è classificato come gigande gassoso con un raggio medio di 9,5 volte quello della Terra e una massa 95 volte superiore a quella terrestre. E' uno dei pianeti più noti grazie al suo spettacolare sistema di anelli che lo rende così caratteristico. Il pianeta orbita intorno al Sole ad una distanza di 1 miliardo 429 milioni di Km, completando una rivoluzione in 29,5 anni: ogni stagione dura 7 anni terrestri. Esso ruota rapidamente attorno al suo asse: il giorno su Saturno dura solo 10 ore e 39 minuti. Non c'è separazione tra atmosfera e interno del pianeta, questo perchè non possiede una vera e propria superficie.
Gli anelli di Saturno sono conosciuti da molto tempo: furono osservati per la prima volta da Galilleo all'inizio del '600, ma con il suo semplice cannochiale lo scienziato non riuscì a capire di cosa si trattasse.Solamente nel 1655 furono identificati con uno strumento più potente. La loro bellezza non è dovuta solo ai colori o all'ampiezza, ma anche dal fatto che sono molto luminosi. Gli anelli più grossi sono in realtà costituiti da migliaia di anelli più sottili, gli anelli sono formati da milioni di frammenti di asteroidi e materiali ghiacciati.
Caratteristiche di Venere
Venere,dopo Mercurio,il pianeta più vicino al Sole e il sesto,per dimensioni,del Sistema Solare con un diametro appena più piccolo di quello della Terra.Insieme a Marte e Mercurio fa parte dei quei pianeti rocciosi denominati terrestri.Venere ha una densità di poco inferiore a quella della Terra è con Marte il pianete più vicino al nostro,orbita intorno al Sole ad una distanza media di circa 108 milioni di chilometri ,con una traiettoria quasi circolare,il cui piano orbitale è inclinato di 3,4° rispetto all' eclittica.
La velocità orbitale è piuttosto elevata e la distanza dal Sole relativamenta ridotta,pertanto il pianeta compie una rivoluzione completa intorno al Sole di un tempo abbastanza breve(circa 225 giorni).Al contrario
Struttura di Venere
Il nucleo interno di Venere si pensa sia ferroso,dato che il pianeta è molto simile alla Terra sia in struttura che dimensioni,e sia allo stato fuso perchè ne viene data conferma da un pur debole campo magnetico,a parte quello indotto dall' effetto del vento solare.Si ritiene che il nucleo abbia uno spessore di circa 3000km ed il mantello di circa 2900km mentre la crosta dovrebbe essere di poco inferiore a quella terrestre, cioè circa 60km.Le analisi compiute dalle sonde sovietiche indicano che la struttura della crosta e della superficie è simile al granito ed al basalto.
a causa della convenzione del mantello sulla superficie si producono alcune anomalie,(corrugamenti, gonfiamenti e spaccature ecc..) che sono però concentrate in piccole zone .
curiosità su Venere
venere è, dopo il sole e la luna, il corpo celeste più luminoso visto dalla terra e l' unico, a parte i primi due, che può essere avvistato anche in pieno giorno, sia pure in condizioni particolari . il particolare rapporto tra il periodo di rotazione e quello di rivoluzione di Venere è tale che quando il pianeta raggiunge la minima distanza dalla Terra, esso rivolge al nostro pianeta sempre la stessa faccia. non si sa se tale fenomeno sia dovuto ad un effetto di risonanza, o se si tratti di una singolare coincidenza.
Marte è il quarto pianeta del sistema solare e viene chiamato "pianeta rosso" a causa del suo colore dovuto alle grandi quantità di ossido di ferro che lo ricoprono.
Pur prestando un' atmosfera molto rarefatta e temperature medie superficiali piuttosto basse, il pianeta più simile alla terra tra quelli del sistema solare. Si ritiene che la crosta sia stata creata dalla fusione di impatti con oggetti estranei. Grazie alle osservazioni della sua orbita attraverso lo spettrometro e l'analisi dei meteoriti, è possibile sapere che Marte ha una superficie ricca di basalto. Alcune zone però mostrano quantità predominanti di silicio. Su Marte gli anni valgono due dei nostri; ed è cinque volte più piccolo di noi e vede il sole un po' meno grande e meno vivace di come lo vediamo noi. Il pianeta Marte ha due satelliti naturali di piccole dimensioni: Fobos e Deimos scoperti nell'Agosto del 1887.
osservazioni su Venere
Venere è visibile dalla Terra ad occhio nudo, tuttavia la sua vicinanza al sole lo rende relativamente difficile da osservare. l' osservazione diretta è ostacolata di giorno dalla luminosità solare; oppure poco prima dell' alba, quando esso appena sopra l' orizzonte est.il fatto che l' orbita del pianeta sia interna, rispetto a quella della Terra, fà sì che esso si sposti alternativamente a est e a ovest rispetto al sole, con una elongazione massima di 47°. Ciò ne permette dunque l' osservazione dalla terra soltanto per breve tempo.Nella foto, Venere e la Luna al tramonto
Negli anni 60 inizia l' esplorazione spaziale del pianeta da parte degli Stati Uniti e dell'Unione Sovietica. Gli Usa hanno già fatto posare due veicoli teleguidati su Marte e sia l'ex Urss sia l'Ersa (l'Agenzia spaziale europea) hanno fatto missioni verso Marte. Nel 2011, il primo tentativo cinese di inviarvi un satellite in orbita fu un fiasco a causa di difficoltà meccaniche.
CURIOSITA
DEIMOS
marte I
marte II
Fobos spesso scritto anche in greco Phobos, è il maggiore e più interno dei satelliti naturali del pianeta Marte. Orbita a meno di 6000 Km dalla superficie di Marte.
Si tratta del satellite naturale più vicino al proprio pianeta dell'intero sistema solare. La superficie appare essere costituita non solo da roccia ma anche da ghiaccio.
Deimos è il più piccolo dei due satelliti di Marte. La superficie è caratterizzata soprattutto da crateri anche se appare in realtà molto liscia, è costituita da una regolite altamente porosa.
Full transcript