Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

GIORNATA DELLA MEMORIA 27-01-2012

Hitler, Mussolini e Awschwitz
by

Giorgia Battistella

on 26 January 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of GIORNATA DELLA MEMORIA 27-01-2012

Legge 20 luglio 2000, n. 211

"Istituzione del "Giorno della Memoria" in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti"

pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000


Art. 1.
1. La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonche' coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Art. 2.

1. In occasione del "Giorno della Memoria" di cui all'articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell'Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinche' simili eventi non possano mai piu'ù accadere. venne ufficialmente indicato lo sterminio degli ebrei operato dai nazisti voce biblica che significa “catastrofe, disastro”, SHOAH Il termine Olocausto indica sacrificio religioso, attuato generalmente con il fuoco, tipico delle culture greca antica ed ebraica. dal greco λόκαυστος (olokaustos, "bruciato interamente") chiaramente lo sterminio di massa degli ebrei non fu un sacrificio OLOCAUSTO La politica razziale nazista si evolse progressivamente negli anni compresi tra il 1933 e il 1939. II Guerra Mondiale
1939 - 1945 Monaco 10 marzo 1933, un avvocato ebreo, costretto a marciare per strada, da un drappello di SA, a piedi scalzi, testa rasata, senza pantaloni ed obbligato a portare un cartello con la scritta: "Non mi lamenterò più con la polizia Monaco 10 marzo 1933, un avvocato ebreo, costretto a marciare per strada, da un drappello di SA, a piedi scalzi, testa rasata, senza pantaloni ed obbligato a portare un cartello con la scritta: "Non mi lamentero'ò piu'ù con la polizia L'intero popolo tedesco venne suddiviso in due categorie principali:
i Volksgenossen (connazionale),coloro che appartenevano alla Volksgemeinschaft (la comunita'à popolare, che avrebbe dovuto costituire la futura ossatura sociale della Germania). i Gemeinschaftsfremde (stranieri della comunita') che, invece, non appartenevano al corpo storico e culturale della Germania.

Si annoveravano in questa seconda categoria tutti gli individui di origine ebraica, gli zingari, i "lavativi", gli "asociali ereditari", e tutti i portatori di handicap mentali o fisici. 1935 leggi di NORIMBERGA Legge per la protezione del sangue e dell'onore tedesco
15 settembre 1935

Fermamente convinti che la purezza del sangue tedesco sia essenziale per la futura esistenza del popolo tedesco, ispirati dalla irremovibile determinazione a salvaguardare il futuro della nazione tedesca, il Reichstag ha unanimemente deciso l'emanazione della seguente legge che viene cosi'ì promulgata Articolo I
1. I matrimoni tra ebrei e i cittadini di sangue tedesco e apparentati sono proibiti. I matrimoni contratti a dispetto della presente legge sono nulli anche quando fossero contratti senza l'intenzione di violare la legge.
2. Le procedure legali per l'annullamento possono essere iniziati soltanto dal Pubblico Ministero. Articolo II
Le relazioni sessuali extraconiugali tra ebrei e cittadini di sangue tedesco e apparentati sono proibite.

Articolo III
Agli ebrei non e'consentito di impiegare come domestiche cittadine di sangue tedesco e apparentate. Articolo VII
La legge diverra'effettiva il giorno successivo alla sua promulgazione ad eccezione dell'Articolo 3
che diverra'effettivo entro e non oltre il 1° gennaio 1936. ASSE ROMA-BERLINO (1936) Le due potenze si impegnavano nella lotta contro il bolscevismo(Comunismo) e a sostegno dei militari spagnoli ribellatisi al governo democratico.
Patto d'amicizia formale e vago, ma di grande valore politico, sanciva il primo concreto avvicinamento tra i due paesi, divisi in precedenza dalla questione austriaca e dalla collocazione rispettiva nel quadro delle potenze europee. Nel 1933 - 1934 Mussolini era ancora interessato a mantenere rapporti amichevoli con Francia e Inghilterra, pertanto non nascose le sue perplessita'di fronte alla politica razzista di Hitler. venne pubblicato in forma anonima nel Giornale d'Italia il 14 luglio 1938 docenti nelle Universita'à italiane, che sotto l'egida del Ministero della Cultura popolare hanno redatto e aderito alle proposizioni che fissano la base del razzismo fascista. 1) Le razze umane esistono. La esistenza delle razze umane non e'gia'una astrazione del nostro spirito, ma corrisponde a una realta'fenomenica, materiale, percepibile con i nostri sensi. [.....] Dire che esistono le razze umane non vuol dire a priori che esistono razze umane superiori o inferiori, ma soltanto che esistono razze umane differenti.

2) Esistono grandi razze e piccole razze. Non bisogna soltanto ammettere che esistano i gruppi sistematici maggiori, che comunemente sono chiamati razze e che sono individualizzati solo da alcuni caratteri, ma bisogna anche ammettere che esistano gruppi sistematici minori (come per es. i nordici, i mediterranei, i dinarici, ecc.) individualizzati da un maggior numero di caratteri comuni. Questi gruppi costituiscono dal punto di vista biologico le vere razze, la esistenza delle quali e' una verita'evidente.

3) Il concetto di razza e'concetto puramente biologico. [...] Manifesto degli scienziati razzisti 1938 4. La popolazione dell'Italia attuale e'nella maggioranza di origine ariana e la sua civilta'e'ariana. Questa popolazione a civilta' ariana abita da diversi millenni la nostra penisola[...]à 7) E'tempo che gli Italiani si proclamino francamente razzisti. [...] La questione del razzismo in Italia deve essere trattata da un punto di vista puramente biologico, senza intenzioni filosofiche o religiose. [...] 8)E'necessario fare una netta distinzione fra i Mediterranei d'Europa (Occidentali) da una parte, gli Orientali e gli Africani dall'altra. Sono percio'da considerarsi pericolose le teorie che sostengono l'origine africana di alcuni popoli europei e comprendono in una comune razza mediterranea anche le popolazioni semitiche e camitiche stabilendo relazioni e simpatie ideologiche assolutamente inammissibili. 9) Gli ebrei non appartengono alla razza italiana. Leggi razziali fasciste varate in Italia fra il 1938 e il primo quinquennio degli anni quaranta GLI EBREI NON POSSONO: prestare servizio militare, esercitare il ruolo di tutore di minori, essere titolari di aziende dichiarate di interesse per la difesa nazionale, essere proprietari di terreni o di fabbricati urbani al di sopra di un certo valore. divieto di matrimonio tra italiani ed ebrei, divieto per gli ebrei di avere alle proprie dipendenze domestici di razza ariana, divieto per tutte le pubbliche amministrazioni e per le societa'private di carattere pubblicistico come banche e assicurazioni – di avere alle proprie dipendenze ebrei. I bambini e i ragazzi vennero espulsi dalle scuole pubbliche e poterono frequentare solo scuole ebraiche. Gli insegnanti ebrei vennero licenziati. Il 1° settembre del 1939 Hitler invade la POLONIA Al termine della campagna di settembre nel 1939 la citta'di Oswiecim e le localita'situate nei suoi dintorni furono annesse al Terzo Reich. Nello stesso tempo i nazisti cambiarono il suo nome in Auschwitz. Gia'à verso la fine del 1939 nell'Ufficio del Comando Supremo delle SS e della Polizia a Wroclaw era nata l'idea della creazione di un campo di concentramento.
Il campo di Auschwitz fu fondato nel 1940 per i prigionieri politici polacchi. Inizialmente doveva servire da strumento di terrore e di sterminio dei polacchi. Successivamente i nazisti iniziarono a deportarvi gente di tutta Europa, principalmente ebrei provenienti da Stati diversi, ma anche prigionieri bellici sovietici e zingari. Tra i detenuti vi erano anche cechi, jugoslavi, francesi, austriaci, tedeschi, ecc. Auschwitz Dal 1979, cio'che resta di Auschwitz e' patrimonio dell'umanita'à dell'UNESCO. Il lager di Auschwitz era composto di 3 campi maggiori e di circa 35 sottocampi.

I tre campi principali erano:
- Auschwitz 1, ex caserma polacca detta all'epoca il campo principale
- Auschwitz 2 Birkenau, il grande campo in baracche, di cui inizio'la costruzione nell'ottobre del 1941, con le 4 grandi camere a gas ed i crematori annessi.
- Auschwitz 3 Monowitz, il campo costruito a fianco della fabbrica I.G.Farben di Buna, dove furono internati, fra gli altri, Primo Levi Josef Mengele Medico tedesco delle SS, che nel 1943 comincio'a lavorare nel lager di Auschwitz. Rimase nel campo 21 mesi usando gli internati come cavie. Sottopose i prigionieri a raggi X, mutilazioni, gravi malattie e iniezioni di sostanze tossiche. Era particolarmente interessato allo studio dei gemelli omozigoti che sceglieva personalmente. Paradossalmente alcune testimonianze lo ricordano come un medico "BUONO che salva dei gemelli dalla camera a gas per analizzarli" i bambini zingari lo chiamavano "Zio Mengele" In realta'era crudele, tanto da guadagnarsi l'appellativo di "angelo della morte"; uccideva senza pietà i prigionieri a calci, colpi di pistola o iniezioni di fenolo Auschwitz 1 Auschwitz 2-Birkenau Auschwitz 3 Monowitz La Risiera di San Sabba stabilimento per la pilatura del riso edificato nel 1913 - venne utilizzata dopo l'8 settembre 1943 dall'occupatore nazista come campo di prigionia, e destinato in seguito allo smistamento dei deportati diretti in Germania e Polonia, al deposito dei beni razziati e alla detenzione ed eliminazione di ostaggi, partigiani, detenuti politici ed ebrei. Il 4 aprile 1944 venne messo in funzione anche un forno crematorio. Nel 1965 la Risiera di San Sabba fu dichiarata Monumento Nazionale con decreto del Presidente della Repubblica. Nel 1975 la Risiera, ristrutturata su progetto dell'architetto Romano Boico, divenne Civico Museo della Risiera di San Sabba.. Per la legislazione fascista

era ebreo chi era nato da: genitori entrambi ebrei, da un ebreo e da uno straniero, da una madre ebrea in condizioni di paternita'à ignota oppure chi, pur avendo un genitore ariano, professasse la religione ebraica. Sugli ebrei venne emanata una serie di leggi discriminatorie. La legislazione fascista ammise tuttavia la discussa figura dell'ebreo "arianizzato" (allora fu usato il termine improprio "discriminato"), ovvero dell'ebreo che avesse particolari meriti: militari, civili o politici. Per la legislazione tedesca (14/11/'35) 1. Si considera ebreo chiunque discenda da almeno tre nonni ebrei che siano razzialmente interamente giudei. (...)
2. Si considera ebreo anche chi discende da due nonni interamente ebrei se: a) apparteneva alla comunita'ebraica al momento dell'emanazione della presente legge o vi abbia aderito successivamente. b) abbia contratto matrimonio con persona ebrea al momento dell'emanazione della presente legge o successivamente, [...] d) sia il frutto di una relazione extra-coniugale con una persona ebrea [...] o sia nato fuori del matrimonio dopo il 31 luglio 1936 GHETTO Gia'intorno al 1940 I tedeschi rinchiusero gli Ebrei nei GHETTI privandoli di qualsiasi fonte di reddito,
cercando di affamarli fornendo loro circa la meta' del fabbisogno calorico giornaliero. I Ghetti piu' duri furono quelli polacchi (Varsavia, Lodz,Vilna...) in cui confluivano deportati ebrei da tutta l'Europa centrale.
Famosa e' la RIVOLTA DEL GHETTO DI VARSAVIA del 1943 dove le condizioni di sovraffollamento portarono alla morte migliaia i ebrei a causa di malattie e fame. Anna Frank mori' nel marzo del 1945
a Bergen - Belsen. Passo' un mese ad
Auschwitz - Birkenau 174517 fu il numero tatuato sull’avambraccio sinistro di Primo Levi nel febbraio del 1944, al suo ingresso nel campo di sterminio nazista di Auschwitz. La detenzione duro'ò poi per undici mesi fino alla liberazione, avvenuta il 27 gennaio dell’anno successivo a opera dell’esercito russo. 27 gennaio 1945 27 gennaio 2013 PER RICORDARE Nei ghetti i bambini particolarmente soffrirono di sovraffollamento, mancanza di igiene e cure mediche, malnutrizione e lo stress emotivo.
Molti di loro erano costretti a vagare nelle viuzze in cerca di cibo e di qualcosa da fare.

Secondo le leggi naziste ai bambini ebrei era vietato andare a scuola o comunque l'istruzione.
Full transcript