Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

Tesina 2012/2013

No description
by

Alessandro Fulgenzi

on 27 June 2013

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of Tesina 2012/2013

Tramite la tecnica ed il progresso tecnologico, l’essere umano ha a disposizione il mezzo che gli permette di ascendere all’entità divina
“ALLA RICERCA DELLA PERFEZIONE: UOMO E TECNICA”
Tesina di:
ALESSANDRO FULGENZI
5C elettronica e telecomunicazioni
a.s. 2012/2013
[…]Qualunque sforzo di darci la salute è vano. Questa non può appartenere che alla bestia che conosce un solo progresso, quello del proprio organismo. […]Di alcuni animali non sappiamo il progresso, ma ci sarà stato e non avrà mai leso la loro salute.
Ma l’occhialuto uomo, invece, inventa gli ordigni fuori del suo corpo e se c’è stata salute e nobiltà in chi li inventò, quasi sempre manca in chi li usa.
Gli ordigni si comperano, si vendono e si rubano e l’uomo diventa sempre più furbo e più debole. Anzi si capisce che la sua furbizia cresce in proporzione della sua debolezza. I primi suoi ordigni parevano prolungazioni del suo braccio e non potevano essere efficaci che per la forza dello stesso, ma, oramai l’ordigno non ha più alcuna relazione con l’arto. Ed è proprio l’ordigno che crea la malattia con l’abbandono della legge che fu su tutta la terra la creatrice. La legge del più forte sparì e perdemmo la selezione salutare.[…]
[Italo Svevo: “La Coscienza di Zeno”
(parte finale cap.8 “psico-analisi”)]
L'ORDIGNO
Rivoluzione Tecnologica
Tecnologie emergenti:


- Automazione

- Informatica

- Nanotecnologie
Tecnologie emergenti:



Automazione



Informatica



Nanotecnologie
L'ORDIGNO ESTERNO ALL'UOMO: ROBOTICA
Con la creazione di circuiterie sempre più complesse, l’automazione si estrapola dalla realtà industriale e diviene comune nell’uso quotidiano
la macchina robotica è in grado di imparare attraverso reti neurali artificiali

Tre Leggi della Robotica:

1. Un robot non può recar danno ad un essere umano ne permettere che, a causa della propria negligenza, un essere umano patisca danno

2. Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non contravvengano alla Prima Legge

3. Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché questo non contrasti con la Prima o la Seconda Legge
Cervelli elettronici --> superCervelli --> Macchine
L'intelligenza artificiale è sempre più efficiente ed utilizzata e si crea un nuovo clima sociale dato dalla convivenza uomo-robot
L’uomo cammina verso la perfezione seguendo la strada fornita dalle Macchine, le quali conoscono il vero bene per l’umanità grazie al numero infinito di dati a loro disposizione.
Ma... Le Macchine "aprono gli occhi"
Con il loro “database” infinito
capiscono la effettiva propensione dell’uomo a farsi guerra, a danneggiarsi vicendevolmente, a ottenere libertà o potere a discapito dei suoi simili.

L’uomo furbo è capace di modificare le leggi. Con il controllo delle Macchine ha il controllo anche su tutti i robot a esse interconnessi, sfruttando la loro caratteristica di mente-alveare.
Come per le api, dove una regina è il centro nevralgico dell’alveare, e tutti i fuchi svolgono le funzioni assegnate da lei agendo con lo stesso “pensiero”, allo stesso modo, le Macchine fungono da fulcro di pensieri.
I pochi controllano i robot e attraverso questi, instaurano un sistema simil-totalitario militare, sottomettendo l'umanità.
L’UOMO INTERNO ALL’ORDIGNO: CYBERSPAZIO
Agli inizi degli anni ’80, lo scrittore William Gibson introduce nei sui scritti il termine “cyberspazio”
come una rappresentazione grafica di dati ricavati da ogni computer del sistema umano.

Programmi informatici e linguaggi per la creazione di mondi virtuali avanzati
rendono lo spazio cibernetico
un luogo concreto chiamato "la Rete"
Si digitalizza la vita trascrivendo in codice numerico quella biologica per poi trasferirla all'interno della Rete. Il tutto è permesso da un laser computerizzato.
La vita non è più un fluire di fluidi biologici e di interazioni tra cellule, ma un fluire di dati e interazioni fra codici.
L'uomo diventa Creatore e plasma una società volta alla perfezione con l’aiuto di programmi fatti a sua immagine e somiglianza, i quali non sono più stringhe di codice visibili su uno schermo, ma veri e propri esseri viventi.

La società perfetta ricercata è basata su una tecnocrazia, data dalla grande conoscenza scientifica di Creatori e Programmi, che
non tengono conto di aspetti politici o economici ma unicamente di quelli tecnici.

Dal 1945 ha inizio la terza rivoluzione industriale che trasforma, oltre che la struttura produttiva, anche il tessuto socio-economico delle comunità industrializzate.

Ma... Valgono le priorità dei pochi
Nella pratica, anziché essere la Rete un mondo tecnocratico volto alla perfezione, essa viene controllata da un collettivismo oligarchico.
L’ indole umana è modificata e rimodellata dai Creatori.
L’ORDIGNO PARTE DELL’UOMO: TRANSUMANISMO
Con transumanismo si fa riferimento ad un movimento intellettuale tecnofilosofico che appoggia l'incremento delle capacità fisiche e cognitive dell’uomo attraverso l’utilizzo di innovazioni tecnologiche, come protesi artificiali, e scienze, come la nanotecnologia, credendo nella sua trasformazione in organismo cibernetico.
Le protesi evolvono in innesti specifici, che riproducono artificialmente singole parti dell’organismo come nervi, muscoli, ossa e organi.
Si interfacciano parti biologiche e artificiali tramite naniti; questi sono programmati per creare il collegamento tra organismo e innesti. La loro immissione nel corpo avviene tramite fluidi e possono spostarsi attraverso il flusso sanguigno per giungere alle parti interessate.
2002: Kevin Warwick si impianta un centinaio di microelettrodi nelle terminazioni nervose del braccio.

Riesce ad inviare i suoi impulsi nervosi sulla rete per manovrare una mano robotica a circa
5000km di distanza.
Impianti cerebrali composti da nanotessuti: costituiti cioè da singole nanocellule impiantate nella corteccia, capaci di autoreplicarsi e di sostituire le cellule organiche dell'encefalo. Questa sostituzione permette la comunicazione attraverso la rete internet utilizzando il pensiero in quanto il tessuto bionico ha la proprietà di funzionare come un ricetrasmettitore e identifica ogni persona con un distinto indirizzo IP.
Questa tecnologia permette di perseguire valori elevati e stabili e di approdare in un’era post-umana; fare cioè un balzo in avanti nell’evoluzione liberandosi dai vincoli biologici.
Si crea una società in cui tecnologia e biologia promettono unità. L'uomo riesce nel tentativo di divenire come quegli dei tanto sognati.
Ma...Come Icaro l'uomo vola
“Il progresso tecnologico è come un’ascia nelle mani di un pazzo criminale”[Albert Einstein]
Questa tecnologia offre all’uomo la forza; la forza consente il dominio e il dominio spalanca le porte dell’abuso.
Con gli impianti cerebrali alcuni uomini hanno il potere di guidare le scelte degli altri con il controllo mentale. I loro nanotessuti sono progettati per trasmettere, mentre la moltitudine è progettata per ricevere.
La dignità umana non è minimamente rispettata e la realtà diviene come un videogioco. Il mondo e i suoi abitanti sono oggetto delle perversioni di pochi.

IL POTERE
La volontà dell’uomo di raggiungere la perfezione è astratta, in quanto caratteristica della perfezione è di essere inconoscibile. Egli tende a prendere il posto di Dio, ma Dio è potere. Ne deriva che finisce con il perseguire il potere come fine a se stesso.
Nel passato il potere veniva esercitato infliggendo sofferenze, dolore e umiliazione, riducendo la mente altrui in pezzi per poi ricomporla nella forma desiderata.
Ma con il progresso tecnologico, “potere”, significa detenere la giusta tecnologia.

SCIENZA
E
MORALE

“Sei ancora quello della pietra e della fionda
uomo

del mio tempo
[…]
[…]T’ho visto: eri tu.
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio
[…]
[Salvatore Quasimodo: “uomo del mio tempo”]

L'uomo inventa con “salute e nobiltà”, ma l’utilizzo che fa della sua “scienza esatta” è assente da quei principi.
Il progresso tecnologico non significa anche progresso umano.

FINE
BIBLIOGRAFIA E FONTI:
Libri:
Film:
Videogiochi:
Siti web/blog
:
www.fantascienza.com
www.estropico.com/id215.htm
www.kevinwarwick.com
www.timmylove.altervista.org/tl/nom/transman.html
daily.wired.it/news/cultura/nasce-gibson-cyberspazio.html
antrodelnerd.blogspot.it/2012/05/cosa-sono-le-reti-neurali-artificiali.html
Full transcript