Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

CONCORSO SCUOLA DOCENTI DDG 106 del 23/02/2016

No description
by

enrica aghemo

on 2 August 2016

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of CONCORSO SCUOLA DOCENTI DDG 106 del 23/02/2016

CONCORSO SCUOLA DOCENTI
DDG 106 del 23/02/2016

AD02-Ambito disciplinare 2

CANDIDATA AGHEMO ENRICA
21/07/2016
TORINO

PREMESSA
CONTESTO SCOLASTICO
SCUOLA Secondaria di 1° grado

CLASSE seconda
composta da 22 alunni (12 femmine e 10 maschi)
ANALISI DEI BISOGNI
COMPETENZE ATTESE
COMPETENZE CHIAVE EUROPEE PER LO SVILUPPO DELL'APPRENDIMENTO PERMANENTE
Raccomandazioni del
Parlamento Europeo del 18/12/2006
COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE
CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE
COMPETENZE CHIAVE ITALIANE DI CITTADINANZA
Regolamento sull'obbligo di istruzione
DM 139/2007
COMUNICARE
PROGETTARE
ACQUISIRE E INTERPRETARE LE INFORMAZIONI
DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA E DEL PRIMO CICLO D'ISTRUZIONE (2012)
OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IN RIFERIMENTO AL MACRO AMBITO DI
"Il linguaggio del corpo come modalità comunicativo-espressiva"
TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Utilizza gli aspetti comunicativo-relazionali del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri
CONOSCENZE
Conoscere semplici tecniche di espressione corporea per rappresentare idee, stati d’animo, e storie mediante gestualità e posture svolte in forma individuale, a coppie, in gruppo.
PERCORSO DIDATTICO
VALUTAZIONE
VALUTAZIONE DEL COMPITO FINALE
CONOSCENZE ACQUISITE
COMPORTANTI MESSI IN ATTO NEL PROCESSO DI APPRENDIMENTO
ABILITA' MOTORIE
ADATTABILITA'
GRAZIE PER L'ATTENZIONE
METODOLOGIE
COMPITO
IN SITUAZIONE

BIBLIOGRAFIA
COMUNICARE CON IL CORPO
Un’educazione legata all’espressione corporea è indispensabile per aiutare a capire se stessi e gli altri (Martinet, 1992).

Musica
• Comprensione dei linguaggi specifici
• Uso dei linguaggi specifici
• Capacità di ascolto dei messaggi musicali
• Rielaborazione personale
Con l'avanzare della tecnologia e della diffusione dei social network tra le nuove generazioni, il concetto di comunicazione attraverso il corpo come espressione di sè e delle proprie emozioni è stato sostituito da una "vetrina" puramente estetica.
Si vuole porre attenzione a questo problema, facendo riflettere gli studenti sull'importanza del saper gestire le proprie emozioni e riuscire a comunicarle efficacemente agli altri, diminuendo il rischio di incomprensioni.
Il gruppo classe si presenta collaborativo e disposto a sperimentare attività inedite. Sono già abituati a lavorare in gruppi e nonostante a volte presentino qualche difficoltà comunicativa dovuta a futili incomprensioni, nel complesso sono coesi e disposti ad aiutarsi l'un l'altro. Anita, la ragazzina autistica, è ben inserita: solitamente fa riferimento a due compagni che identifica come leader positivi. Viene seguita dall'educatrice durante le ore di educazione fisica.
contenere le possibili fonti di ansia per Anita e cercare di coinvolgerla in ogni fase dell'UdA
collaborare con l'educatrice predisponendo l'attività per adattarla alle esigenze dell'allieva (L. 104/92)
incentivare la comunicazione interattiva coi pari, riconoscendo le emozioni espresse dagli altri e esternando quelle provate utilizzando dei materiali iconografici
valutazione in base agli obiettivi indicati sul PEI
ABILITA'
Applicare tecniche espressive
Saper decodificare i gesti e le espressioni dei compagni in situazione di gioco e in altre attività
Utilizzare l'esperienza motoria acquisita per risolvere un compito inedito
COMPORTAMENTI
Assumere delle disposizioni collaborative
Accettare i compagni rispettarli, valorizzando le caratteristiche individuali nel lavoro di gruppo
"L'alunno lavorando attivamente nel gruppo, realizza una performance, utilizzando le tecniche apprese sulla comunicazione non verbale e sull'espressione corporea, curando gli aspetti artistici e tecnici della messa in scena"
TRASVERSALITA'
Scoperta guidata
Peer teaching
Cooperative Learning
Problem Solving
Lezione interattiva
Lezione 1
compito introduttivo a casa
confronto in classe e discussione guidata
introduzione al linguaggio non verbale attraverso immagini e video

gioco sull'imitazione: a turno un allievo imita un comportamento scritto su un biglietto e i compagni indovinano
Lezione 2
Riscaldamento utilizzando dei giochi di improvvisazione da svolgere individualmente e poi gradualmente interagendo con gli altri
giochi mimici a coppie sulla prossemica (introduzione di un pubblico)
confronto in cerchio per prendere coscienza delle tecniche messe in atto, punti di forza e di debolezza
esercitazioni a gruppi più numerosi basati sul contatto fisico e sull'interpretazione, problem solving
Lezione 4
riscaldamento generale e mobilità articolare
riattivazione degli elementi della ginnastica artistica (rotolamenti, rovesciamenti, elementi coreografici) (reciprocità)
esecuzione di una sequenza di elementi improntati sull'occupazione degli spazi e sugli spostamenti (reciprocità)
gioco a gruppi sulla replicazione di una figura data una fiche (peer education)
Lezione 5
divisi a gruppi: realizzare delle mini esibizioni seguendo le richieste del docente (emozione, breve storia) e poi a sfida con gli altri gruppi
opportunità di sperimentare ruoli diversi (mimo, comparsa, ballerino, acrobata,...)
ruolo attivo del pubblico che da' dei feedback sulla prova visionata
formazione definitiva dei gruppi e consegna del compito finale
Lezione 3
prima il professore insegna una breve e facile sequenza di 4 ottave e lascia il tempo di memorizzarla (stile della pratica)
dopo fa sentire la base musicale su cui eseguirla (scoperta guidata)
propone delle varianti esecutive: invita i ragazzi, divisi a gruppi,a ripetere la sequenza su delle musiche di genere diverso,
infine ogni gruppo sceglie una canzone e aggiunge dei passi alla sequenza, con l'obiettivo di esprimere un messaggio, un'emozione davanti al resto della classe
Lezione 6
prove generali dell'esibizione
performance di gruppo davanti alla classe e ai docenti coinvolti nel progetto
videoregistrazione della prova finale
valutazione sommativa finale
visione filmati in aula video
brainstorming e discussione collettiva sulla realizzazione e su come hanno lavorato in gruppo
Realizzare delle coreografie
Esprimere attraverso il corpo
Situazione di avvio in classe
Preacrobatica e figure collettive
Compito intermedio e assegnazione compito finale
Performance e riflessione finale
Come deve porsi il docente...
sapersi adattare in corso d'opera....saper improvvisare
Prova semi strutturata con item a risposta multipla e di confronto con esplicitazione delle scelte
sul linguaggio non verbale
Griglia valutativa sulla sequenza coreografica e quella di pre acrobatica
rubrica valutativa sull'atteggiamento assunto nel corso delle lezioni e nel lavoro coi compagni
valutazione individuale tramite check list sugli aspetti della performance
Arte e immagine
• Capacità di vedere-osservare e comprensione e uso dei linguaggi visivi specifici
• Conoscenza e uso delle tecniche espressive
• Produzione e rielaborazione di messaggi visivi
20%
20%
20%
40%
incentivare la motivazione
stimolare la creatività e l'ideazione

Fiorini G., Chiesa E. (2014), In team sport e salute. Deascuola, Italia.
Martinet S. (1992), La musica del corpo. Edizioni Erickson, Gardolo (TN), Italia.
Merlino M. (1992), Musica e corporeità. Japadre Editore, Roma, Italia.
www.autismando.it, ultima consultazione 21/7/16
www.reteautismo.it, ultima consultazione 21/7/16
SITOGRAFIA
Full transcript