Loading presentation...

Present Remotely

Send the link below via email or IM

Copy

Present to your audience

Start remote presentation

  • Invited audience members will follow you as you navigate and present
  • People invited to a presentation do not need a Prezi account
  • This link expires 10 minutes after you close the presentation
  • A maximum of 30 users can follow your presentation
  • Learn more about this feature in our knowledge base article

Do you really want to delete this prezi?

Neither you, nor the coeditors you shared it with will be able to recover it again.

DeleteCancel

Make your likes visible on Facebook?

Connect your Facebook account to Prezi and let your likes appear on your timeline.
You can change this under Settings & Account at any time.

No, thanks

I minerali

No description
by

Noemi Lalla

on 19 October 2012

Comments (0)

Please log in to add your comment.

Report abuse

Transcript of I minerali

I minerali sono sostanze naturali, inorganiche allo stato solido, omogenee, con una ben definita composizione chimica e una struttura interna regolare e ripetitiva. I MINERALI -Sono sostanze naturali: si formano attraverso processi che avvengono in natura.

-Sono sostanze inorganiche: salvo poche eccezioni, vengono pèrodotti nel corso di processi in cui non intervengono organismi viventi.

-Sono sostanze omogenee: entro certi limit, hanno le stesse proprietà fisico-chimiche in ogni loro parte.

-Hanno composizione chimica definita ed esprimibile con una formula chimica.

-Hanno una struttura cristallina ordinata: gli atomo degli elementi chimici tendono a formare un'unità base chiamata cella elementare. La ripetizione ordinata delle celle nello spazio formano il reticolo cristallino. I minerali si formano attraverso processi di cristallizzazione.
La cristallizazione può avvenire per:
-solidificazione di una massa di roccia fusa
-precipitazione
-ricristallizzazione
-per sublimazione Come si formano i minerali La lucentezza dipende dal modo in cui la superficie di un cristallo riflettono la luce. I minerali presentano lucentezza metallica (rame) o lucentezza non metallica, descritta come adamantina; vitrea o cerosa o terrosa.

Il colore ,proprietà utile per ricooscere i minerali.
Più affidabile del colore è la prova dello'' striscio'' , molti minerali, quando vengono strofinati su un pezzo di porcellana bianca e ruvida, lasciando una striscia di polvere dal colore caratteristico. Le proprietà fisiche dei minerali Le unità fondamentali delle rocce La resistenza è la facilità con cui i minerali si rompono o si deformano a causa di sollecitazioni meccaniche in base al tipo e all'intensità dei legami chimici tra i vari componenti del cristallo.
Le caratteristiche da valutare per descrivere la resistenza dei minerali sono: tenacità, durezza, sfaldatura, e frattura.

La tenacità è la resistenza di un minerale alla rotura o alla deformazione.
La durezza è la resistenza di un minerale all'abrasione o alla scalfitura.
Per indicare il valore della durezza i geologi fanno riferimento alla scala di Mohs, basata su 10 minerali ordinati dal più tenero al più duro. La frattura è la tendenza di un minerale a rompersi in modo irregolare. I frammenti possono avere superfici di rottura incurvate o concoidi, frastagliate o scheggiate.




DIASPRO






- La densità , è un importante caratteristica di riconoscimento sei minerali, è la massa per unità di volume e si esprime solitamente in g/cm^3 CLASSIFICAZIONE DEI MINERALI I geologi classificano i minerali in base alla loro composizione.
Ossigeno e silicio si combinano insieme per formare i silicati, tutti gli altri minerali invece vengono indicati come non silicati.
Tutti i silicati contengono la stessa unità fondamentale: il tetraedo silicio-ossigeno, in cui ogni atomo di silicio è circondato da quattro atomi di ossigeno.




I silicati, inoltre, vengono distinti in due gruppi: i silicati sialici ricchi di silice e alluminio; i silicati mafici più poveri di silice e ricchi di ferro e magnesio. Nei neosilicati i tetraedi sono indipendenti, cioè non a contatto tra loro ma tenuti insieme da altri elementi quali magnesio e ferro. Comprendono le olivine, i granati, il topazio, lo zircone.

Topazio


Negli inosilicati i tetraedi formano catene singole come nei pirosseni, oppure catene doppie come nei anfiboli. Augite Nei fillosilicati i tetraedi formano una struttura a strati, come nelle miche, nel talco e nei minerali che formano le argille.

Talco



Nei tettosilicati i tetraedi si collegano formando una struttura tridimensionale, comprendono i feldspati e il quarzo. Quarzo I minerali non silicati sono importanti per il loro valore economico, alcuni utilizzati in gioiellerie come pietre preziose, altri sono materie prime per la produzione di materiali per l'edilizia e altri sono importanti per la produzione di elementi radioattivi come l'uranio. essi si distinguono in:

elementi nativi che si trovano in natura allo stato nativo, cioè in forma di composti, come. l'oro , l'argento, lo zolfo, il diamante, la grafite.

Oro




solfuri e solfati sono i mineralòi che contengono zolfo. Tra i solfuri ricordiamo la galena e la pirite; tra i solfati, il gesso.

Galena gli ossidi sono formati da ossigeno insieme a uno o più altri elementi in genere metalli. Ci sono ossidi come l'ematite, il corindone o il rutilo.

Ematite


gli alogenuri sono formati dagli ioni di un alogeno-gli alogeni sono gli elementi del gruppo VIIA(17) della tavola periodica. tra di essi vi è la salgemma, la fluorite ecc.

Salgemma



i carbonati comprendono numerose specie di minerale come la calcite e la dolomite. Dolomite
Full transcript